“VillaggiOUTdoor”: parte il CAMPO ESTIVO del Villaggio dei Ragazzi

Condividi

La Fondazione Villaggio dei Ragazzi, in  collaborazione con il Comune di Maddaloni, presenta: “VillaggiOUTdoor”, un progetto educativo che riguarda i ragazzi dai 3 ai 17 anni. I servizi “estivi” promossi  saranno adottati esclusivamente sulla base di misure anti  Covid – 19. Le attività saranno svolte preferibilmente all’aperto, con aerazione costante e sanificazione degli ambienti in caso di soggiorno chiuso. Lo scopo del progetto è quello di offrire alle famiglie e ai giovani una proposta formativa e di arricchimento delle consuete attività ludico- educative, integrandole con proposte innovative  all’aria aperta.

NARDONE

Il tempo trascorso al “Villaggio” sarà, quindi,  per molti ragazzi un’ occasione ulteriore  di crescita e di riequilibrio mentale e corporeo. La prenotazione al Campo estivo  è elemento  fondamentale perché permetterà all’organizzazione di accettare un massimo di bambini e di dividerli in gruppi, così come richiesto dalle linee guida del settore. “In occasione della importante ricorrenza del centenario dalla nascita di don Salvatore D’Angelo – ha dichiarato Felicio De Luca, Commissario Straordinario della Fondazione Villaggio dei Ragazzi – abbiamo deciso di inaugurare un capo estivo per bambini e ragazzi, nel massimo rispetto della normativa vigente in tema di sicurezza anti-covid.

L’esperienza e la professionalità comprovata dei nostri educatori sono una garanzia di buon esito. “VillaggiOUTdoor” non sarà solo un centro estivo ma un’esperienza di crescita, di socialità, di gioco e di svago per tutti i ragazzi che vorranno sceglierci, che si adatterà alle diversificate esigenze della vita quotidiana delle famiglie. Saremo felici di supportare i genitori che decideranno di dare fiducia al Villaggio, iscrivendo i loro figli: non ne deluderemo le aspettative”.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]