Video | “Più libri, più liberi” Roberto Saviano riceve in omaggio Onorata Sanità, storia del Commissario Mascherpa e il Pacco alla Camorra

Condividi

Questa mattina Roberto Saviano nello stand della Polizia di Stato alla Fiera della Piccola e media editoria, “Più libri, più liberi”,  ha ricevuto in regalo il Pacco alla camorra e “Onorata sanità”, la quarta storia del Commissario Mascherpa.

Per il secondo anno infatti la Polizia di Stato partecipa all’iniziativa ideata da Nuova cooperazione organizzata, che raccoglie le associazioni della provincia di Caserta che coltivano le terre sequestrate alla mafia.

Il Commissario Mascherpa e il suo autore Luca Scornaienchi

Ritorna il Pacco alla camorra

Oggi 8 Dicembre, giornata conclusiva della manifestazione Più libri più liberi, allo stand L19 di Poliziamoderna, rivista ufficiale della Polizia di Stato  ci sarà per il firmacopie Luca Scornaienchi, direttore artistico del museo di fumetto di Cosenza e sceneggiatore de Il Commissario Mascherpa, la graphic novel della Polizia di Stato, giunta da poco al suo quarto volume, Onorata Sanità. Lo accompagneranno con degli omaggi disegnati Valerio Chiola, Francesca Ferrara, Giuseppe Guida e Luca Ralli, note matite di fumetti. Questa preziosa occasione per poter riunire prestigiosi disegnatori della scena artistica italiana è data da una nuova sinergia che Più libri Più Liberi ha avviato da quest’anno con Lucca Comics&Games e che arricchirà l’area graphic novel della fiera.

E per una conclusione di buon gusto, anzi di gusto “buono”, saranno promosse dalla Nuova Cooperazione organizzata le scatole ripiene di prodotti agroalimentari frutto del lavoro sulle terre confiscate alle mafie che quest’anno contengono anche il volume Onorata sanità. Un acquisto etico e solidale per i lavoratori della Nco e per il Piano Marco Valerio per le cure delle malattie pediatriche gravi dei figli dei poliziotti.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]