Via le mascherine all’aperto dal 10 Febbraio. Sarebbe ora!

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Via l’obbligo delle mascherine all’aperto dal 10 Febbraio. Ovviamente in altri Paesi dell’Europa già non c’è questo obbligo.
“Mi dite che tipo di scienza è un obbligo di mascherina all’aperto che duri altri 10 giorni? Questa è superstizione non è scienza!”
Daniele Capezzone, giornalista e scrittore

“L’obbligo di mascherine all’aperto ormai me lo spiego solo con il sadismo.”
Leonardo Panetta, giornalista

“I produttori di mascherine de sentitamente ringraziano.
Ma perché voler male alla gente semplice? È prorogato l’uso della mascherina all’aperto. Il governo e tutti i mezzi di informazione avevano due opportunità: educare la popolazione all’uso corretto come i decreti e la salute impongono, ovvero indossarla solo quando non è possibile tenere la distanza di sicurezza di un metro. Quando all’aperto sei ad un metro di distanza dalla saliva o dalle secrezioni nasali di un altro essere umano è impossibile infettarsi. Invece vediamo milioni di persone indossare milioni di mascherine mentre passeggiano isolati per strada , in bicicletta, addirittura in automobile, continuando a riispirare i loro prodotti di scarto invece dell’aria pura, danneggiando se’ stessi e l’ambiente (dove vengono smaltite i milioni di mascherine?) Chi li ha persuasi che il virus vaga nell’aria? Chi li ha persuasi che è una violazione di legge non indossarla comunque e dovunque? Evidentemente è stata scelta la seconda strada, disinformando e incutendo paura, alimentando la superstizione anche a scapito della salute. I produttori di mascherine sentitamente ringraziano.”
Vittorio Sgarbi

“Le mascherine all’aperto protratte per 10 giorni con ordinanza -perché decreto legge che stabiliva obbligo scade stanotte e non c’era più tempo- sono pessima carnevalata di governo: nel merito e nel metodo. E purtroppo non c’è niente da ridere.”
Oscar Giannino, giornalista

“La pandemia sta finendo e bisogna imparare a convivere con il virus.
Basta parlare di convivenza. Ci vogliono i fatti per semplificare la giungla di norme, regole, decreti e obblighi.”
Matteo Bassetti, infettivologo

La finiremo di essere sempre dietro gli altri Paesi?
Non è bastato il teatrino inenarrabile dell’ultima elezione del Presidente della Repubblica?

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.