Venerdì 7 luglio , secondo appuntamento ” Duran Adam ” davanti al Consiglio comunale di Napoli

Condividi
Venerdì 7 , alle ore 11 davanti agli uffici del consiglio comunale di Napoli si terrà il secondo ” standing ” per i diritti referendari . L’ Associazione Radicale Per La Grande Napoli terra’ il Duran Adam eseguito dal tesoriere Rosa Criscuolo e lo scrittore nonché iscritto Francesco Mangiacapra . Questa pratica di lotta non violenta nasce in Turchia ed è stata inventata dal coreografo Erdem Gunduz che è diventato famoso in tutto il mondo per aver resistito per ben otto ore immobile e in silenzio a fissare L’ AKM  in mezzo a piazza Taksim . A praticare in Italia il Duran Adam o anche The  Standing man abbiamo i radicali Mario Staderini , Marco Cappato , Filomena Gallo e Marco Perduca della celebre Associazione Luca Coscioni nelle città di Roma e Milano . 
” Nel Comune di Napoli non si è mai tenuto un referendum e la causa risiede nella mancata modifica dello Statuto comunale e del ” Regolamento per la partecipazione e la consultazione dei cittadini ” , in particolare facciamo riferimento al numero di sottoscrizioni necessarie e alla modalità con cui raccoglierle . Dunque noi radicali riteniamo necessario rimuovere gli ostacoli previsti nelle procedure discriminatorie del comune di Napoli per restituire ai napoletani il diritto di partecipare alla vita politica della propria città attraverso le iniziative popolari ” , così Rosa Criscuolo . 
” Ho già partecipato a performance artistiche aventi ad oggetto le libertà sessuali e l’ autodeterminazione del corpo . Queste tematiche sono ricorrenti non solo nella mia opera letteraria ” Il Numero Uno . Confessioni di un marchettaro” , ma anche nella mozione dell ‘ Associazione Radicale Per La Grande Napoli di cui faccio parte . Sono ben lieto di rendere il mio corpo disponibile in questo Duran Adam di venerdì per restituire ai napoletani il diritto ad esercitare i loro diritti referendari ” , così Francesco Mangiacapra .
loading...

NARDONE

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]