Vaccini e riaperture. Non si può vivere sempre chiusi.

Condividi

Anna Tortora

NARDONE

La clausura esclude la frequentazione di esseri umani moltiplicati, si nutre di silenzio, preghiera e contemplazione. Sono cose queste che si fanno per vocazione religiosa, non per imposizione statale.
“Noi siamo per la via del pragmatismo. Siamo favorevoli a ripristinare le zone gialle. Riaprire con grande prudenza. Per le scuole la soluzione è organizzare il sistema dei trasporti che riduce le presenze sugli autobus e favorire accordi con le scuole non statali per avere maggiori spazi per gli studenti. Oggi stiamo pagando gli errori del governo Conte”.
Antonio Tajani, Forza Italia

Giustamente la campagna vaccini sta andando avanti.
” I risultati della vaccinazione anti Covid ci insegnano due cose: 1. I vaccini in uso, di ogni tipo, azzerano quasi del tutto l’ epidemia quando si raggiunge la metà circa di vaccinati nella popolazione 2. Questo meraviglioso risultato lo dobbiamo alla ricerca scientifica, specie a quella industriale. Per questo è sbagliato non vaccinarsi e osteggiare l’industria farmaceutica; questa, ovviamente, opera per profitto e va vigilata ma ricordiamoci conto che ci salva la vita e la salute”.
Girolamo Sirchia, medico e già Ministro della sanità

I miglioramenti ci sono. Bisogna andare avanti.
“La situazione è in lieve miglioramento: l’analisi dei dati mostra che stiamo iniziando a raccogliere i primi frutti, ma per consolidare questi risultati dobbiamo aspettare ancora un paio di settimane.
Adesso abbiamo il vantaggio fornito dalla vaccinazione: chi si vaccina oggi, tra un mese sarà protetto. Circa 2.200.000 anziani hanno già ricevuto la prima dose del vaccino e i numeri stanno crescendo giorno per giorno in maniera importante. È vero che registriamo un numero ancora drammatico di decessi, ma tra un mese la situazione sarà differente, molto simile a quella che si vede adesso in Inghilterra. Si tratta davvero dell’ultimo sforzo. Dalla fine di aprile osserveremo i miglioramenti e ci prepareremo a trascorrere un’estate diversa rispetto a un anno fa”.
Pierpaolo Sileri, sottosegretario alla salute

E, mentre i cittadini sono stremati, arrivano i Magistrati.
“L’Associazione Nazionale Magistrati, forte delle grandi prove fornite anche di recente sul piano dell’etica e del senso dello Stato, non si limita a fare una richiesta legittima, ma lancia un vero e proprio ultimatum a un Paese già stremato.
Ai cittadini, basiti, non resta che sperare anche in un vaccino contro il voltastomaco”.
Enrico Zanetti

Tornando a cose più serie: “La Lega pretende serietà dal governo Draghi e non la superficialità di Conte.
Ecco perché Salvini e Borghi non ci stanno a chiudere tutto”.
Francesco Storace, già Ministro della sanità

E per concludere Giancristiano Desiderio, giornalista e scrittore, non ha messe misure.
“Il principio con cui i governi (non tutti e non tutti allo stesso modo) hanno affrontato l’epidemia è questo: sappiamo di farvi del male ma lo facciamo per il vostro bene.
Si tratta di una evidente cultura totalitaria in cui lo Stato-governo invece di concentrare la propria azione sulle precise individualità dei suoi servizi (sanità, prevenzione, cura, controllo) invade illegittimamente le vite, le proprietà, le libertà dei cittadini sulla base di una conoscenza che non solo non ha ma che non si può e non si deve presumere di avere: il bene”.
E in questo clima di guerra, c’è sempre qualche cittadino che fa la morale, sulla vita altrui,
su come comportarsi. Il mondo va a rotoli perché c’è gente stupida, gretta e piccolissima che mette i puntini lì dove dovrebbe prendersi una pausa di sospensione. Al posto di segnalare chi esce perché vuole vivere, dovrebbero pensare a quanto male si sta subendo da chi illude di fare il nostro bene.

loading...

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.