Unione Europea, piano per ridurre la dipendenza dalla Cina

Condividi

L’Unione Europea ha svelato un piano per ridurre la sua dipendenza dai fornitori cinesi e da altri fornitori stranieri in sei aree strategiche come materie prime, ingredienti farmaceutici e semiconduttori dopo il crollo economico indotto dalla pandemia.

NARDONE

Il blocco di 27 nazioni ha delineato l’urgenza del compito citando la dipendenza dell’Europa dalla Cina per circa la metà dei 137 prodotti utilizzati in ecosistemi sensibili, principalmente materie prime e prodotti farmaceutici e altri prodotti chiave per gli obiettivi verdi e digitali del blocco.

Il piano strategico industriale aggiornato è stato ideato dopo che la pandemia COVID-19 ha mostrato stretture nella catena di approvvigionamento.

La Commissione europea esecutiva prevede di condurre analisi approfondite delle catene di approvvigionamento di materie prime, batterie, ingredienti farmaceutici attivi, idrogeno, semiconduttori e tecnologie cloud e edge, per decidere come gestirli.

“La strategia industriale aggiornata di oggi mira a garantire che le nostre industrie siano attrezzate per guidare le trasformazioni digitali e verdi della nostra economia garantendo al contempo la competitività delle nostre industrie, anche nel contesto della ripresa dalla crisi del coronavirus“, ha dichiarato il vicepresidente della Commissione europea Margrethe Vestager.

Le misure dell’UE potrebbero includere “diversificare l’offerta e la domanda facendo affidamento su diversi partner commerciali quando possibile, ma anche accumulare scorte e agire in modo autonomo quando necessario”.

Per ridurre la dipendenza dalle importazioni, i paesi dell’UE potrebbero mettere insieme risorse per progetti importanti di interesse comune europeo (IPCEI) nel cloud di prossima generazione, idrogeno, industria a basse emissioni di carbonio, prodotti farmaceutici e un secondo IPCEI su semiconduttori all’avanguardia.

Un IPCEI consentirebbe ai governi dell’UE di pompare finanziamenti in base a norme sugli aiuti di Stato più semplici e alle aziende di lavorare insieme sull’intera gamma del progetto, dalla progettazione alla produzione e alle applicazioni a valle.

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]