Una strategia comune contro le infiltrazioni criminali nelle provincie di Latina e Caserta

Condividi
Potenziata la collaborazione tra i Gruppi Interforze delle due prefetture con progetti Ma.Cr.O. anche in vista dell’arrivo dei finanziamenti per la ripresa

Prima riunione congiunta oggi, presso il palazzo del Governo di Latina, dei Gruppi provinciali Interforze delle prefetture di Latina e Caserta – integrati da rappresentanti della Direzione investigativa antimafia – finalizzata al potenziamento dei sistemi di analisi e alla condivisione mirata e strutturata degli scambi informativi sulle interferenze della criminalità organizzata tra le due province, notoriamente collegate per la presenza endemica di consorterie criminali.

NARDONE

L’incontro è stato presieduto dai prefetti di Latina e Caserta Maurizio Falco e Raffaele Ruberto, accompagnati dai vertici provinciali delle Forze dell’ordine che hanno ricordato scopi e finalità operative dei progetti Ma.Cr.O. (Mappatura della criminalità organizzata), miranti a ottimizzare la collaborazione già esistente tra i due territori.

Tra le azioni individuate, intercettare le infiltrazioni criminali verso settori e imprese con difficoltà a livello patrimoniale e finanziario e rese vulnerabili dalla recente crisi pandemica (ristorazione, alberghiero, trasporti), e quelli resi attraenti dalla stessa crisi (fornitura di dispositivi medici e farmaceutici, sanità, logistica, gestione rifiuti), in ragione delle massive riconversioni industriali seguite all’epidemia.

Particolare attenzione, inoltre, sarà riservata, anche in virtù dei prossimi finanziamenti statali di opere pubbliche, ai fenomeni delle variazioni della titolarità delle imprese e dei cambiamenti delle sedi operative tra le due province, quale indizi di possibili nuovi scenari di aggressione del crimine organizzato alle risorse pubbliche. Il tutto nell’ottica di disporre di aggiornate mappe e informazioni dell’analisi criminale dei due territori, e di guidare, in maniera sempre più precisa, l’attività di prevenzione amministrativa svolta nel settore dai prefetti attraverso lo strumento delle white list e delle interdittive antimafia.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]