Una politica responsabile e credibile riporta i maggiorenni alle urne .

Condividi

Ne stiamo sentendo di tutti i colori ma quella che tra tutte mi sembra la proposta piu’ interessante e’ l’ abbassamento del tetto dell’ elettorato attivo a sedici anni e magari anche quello dell’ imputabilita’ non sarebbe male secondo alcuni. la cosa piu’ commovente , come se stessimo ragionando tra amici al tavolino di un bar , e’ che non si prende in considerazione un problema molto piu’ grave : di riportare i maggiorenni alle urne . I dubbi sulla legittimita’ costituzionale dell’ attuale elettorale ,detta Rosatellum,  ci sono tutti soprattutto in quanto incide sulla liberta’ di voto ma cio’ che e’ oggetto di discussione e’ l’ aumento progressivo del numero di iscritti al partito dell’ astensionismo . Secondo gli ultimi dati nazionali diffusi la percentuale di cittadini aventi diritto al voto che non si reca alle urne non solo e’ cresciuta dopo il patto siglato tra Movimento e Pd ma e’ quasi vicina al 50 % . Secondo i dati del ministero dell’Interno al 30 giugno 2018 le persone aventi diritto al voto sono esattamente 51.402.963, compresi quelli delle circoscrizioni estere.Il comune con più iscritti alle liste elettorali è Roma. Nella Capitale possono votare 2.383.637 persone. Seconda città con più elettori è Milano con 1.026.316 cittadini titolari di diritto di voto. In nessun altro comune si supera la soglia del milione di potenziali votanti: Napoli ne conta 793.885 e Torino 695.780.

La politica si dovrebbe interessare di riportare alle urne gli italiani che si sentono traditi dai loro rappresentanti, che non hanno fiducia nei giochi di poltrone e non hanno interesse a partecipare alle manifestazioni . Grazie alla diffusione dei mezzi di informazione online i cittadini sono sicuramente piu’ consapevoli delle decisioni che prendono in modo autonomo nonostante le fakenews  . Il fallimento della democrazia e’ davanti agli occhi di tutti e le elezioni appaiono inutili in fin dei conti . Dare completamente torto a chi si mostra contrario al taglio dei parlamentari , perche’ tale manovra inciderebbe sulla rappresentativita’ territoriale oltre a consentire un piu’ semplice controllo delle votazioni nelle aule parlamentari, non e’ facile. Insomma la possibilita’ che viene offerta ai minorenni non e’  poi così allettante soprattutto se si considera che molti di loro avranno un debito con la BCE che non estingueranno nemmeno se l’ aspettativa di vita fosse elevata grazie alla dieta di Panzironi . Chissa’ da dove voteranno i nostri giovani , forse dall’ estero perche’ obbligati a partire per poter svolgere il lavoro per cui hanno tanto studiato ed in un sistema bloccato come quello italiano dove l’ ascensore sociale e’ guasto non e’ semplice emergere . Chissa’ se il fenomeno Greta portera’ alle urne tutta la “generazione-selfie” che con l’ ambiente ha davvero poco a che fare considerate le attuali abitudini di vita che li rende dipendenti da uno stile di vita  sicuramente non poco inquinante . Chissa’ se questa sia la giusta soluzione per risollevare le sorti della democrazia occidentale .

Rosa Criscuolo

Legale , giornalista , membro del comitato radicale italiani . È' stata opinionista radio e TV . Vive tra Napoli e Roma. [email protected]