Un “night tour” nei club partenopei per la cantante di “[email protected]” Monica Sarnelli

Condividi

Monica Sarnelli “festeggia” a Coroglio, lì dove tutto è iniziato nell’aprile del 1992, i suoi primi 30 anni da solista. Una vita di musica e concerti, praticamente spartita con Dario Andreano, suo storico produttore e manager, che incominciò nei locali dell’attuale Nevermind (ai tempi Up Stoke).

E proprio al Nevermind (in via Coroglio 128 a Napoli), sabato 30 aprile 2022 alle ore 21, Monica Sarnelli festeggia l’anniversario del suo esordio, tappa spartiacque tra una precedente decennale gavetta da corista  (di Peppino Di Capri, Little Tony, Wess, giusto per citare qualche nome) alla sua successiva attività da solista che la porta oggi ad essere una tra le interpreti più apprezzate del pop di marca partenopea.

Al Nevermind è la prima data, dopo lo stop imposto dalla pandemia, di “30ANNILIVE” un “night tour” nei club partenopei per Monica Sarnelli (altre fissate la vedranno poi il 6 maggio al Q-BOO Events, il 20 maggio all’ IAV Club, tanto per cominciare).

Concerti con cui la cantante di “[email protected]” (dal nome dei 4 album della sua  raccolta antologica) riavvia il suo progetto live dedicato al grande repertorio napoletano classico e contemporaneo.

“Il fascino di questa struttura, la sua atmosfera – sottolinea Monica Sarnelli –  sarà in perfetta sintonia con il programma musicale ideato per questa serata, con l’esecuzione di tanti classici e, naturalmente, con la riproposta di brani a me cari come “Chesta sera” e “Mentecuore” di Nino D’Angelo, “Notte lenta” di Franco Del Prete, “Tu sì meglio ‘e me” di Bruno Lanza, Sally Monetti e Federico Spagnoli, “Abbracciame” di Andrea Sannino e Mauro Spenillo, fino alla sigla di “Un posto al sole” che da 25 anni mi porta nelle case degli italiani”.

Con Monica Sarnelli, in scena ci saranno Alfredo Di Martino (fisarmonica, piano, tastiere), Pino Tafuto (piano, tastiere) e Francesca Andreano (voce).

info: www.facebook.com/MonicaSarnelliCantante

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]