Ucraina, la Kharkiv Philarmonic Orchestra in concerto a Scampia

Condividi

Martedì 13 dicembre per la rassegna “Il progresso attraverso la cultura” organizzata dall’ANCEM – Associazione Napoli Capitale Europea della Musica

La comunità di Scampia saluta il popolo ucraino, per un ritorno alla pace e un futuro di speranza e rinascita, ospitando il concerto della Kharkiv Philarmonic Chamber Orchestra martedì 13 dicembre alle ore 19 nell’auditorium dell’istituto “Giovanni XXIII-Aliotta” (via Nuova Toscanella, 235) per la rassegna “Scampia – Il progresso attraverso la Cultura”, organizzata da Ancem – Associazione Napoli Capitale Europea della Musica diretta da Filippo Zigante, grazie al sostegno del Comune di Napoli, e al patrocinio morale dell’Assessorato Politiche Giovanili del Comune di Napoli e della Ottava Municipalità, e al coordinamento scuole e territorio di Sabrina Innocenti. 

La sfera principale dell’attività creativa ed interpretativa dell’ensemble di Kharkiv è la promozione della musica di compositori ucraini e la presentazione dei loro lavori all’estero. Per l’occasione suoneranno brani di Wolfgang Amadeus Mozart, Johannes Brahms, Edward Elgar e “Melody” del compositore ucraino Myroslav Skoryk.

La Kharkiv Philarmonic Chamber Orchestra nasce nel 2001 grazie all’iniziativa del maestro Yuriy Yanko, detentore del titolo di “Honoured Worker of The Arts of Ukraine”, e vincitore del Concorso Internazionale di Direzione di Vachtang Jordania. 

“Il mondo intero sta con il fiato sospeso per le drammatiche notizie che provengono da un territorio europeo massacrato dagli eventi bellici. Rendere omaggio ad un popolo sofferente è un dovere al quale non possiamo assolvere con semplici parole di compartecipazione ai tanti lutti e dolori, bensì concretamente cercando di avvicinarci sempre più a questo popolo, di conoscerne la cultura. Ed è questo il messaggio che parte da Scampia che ha voluto che questo prestigioso complesso ucraino, sorto nel 2000 per volontà di un illuminato musicista di quel Paese, fosse presente tra gli eventi che hanno caratterizzato questo autunno culturale organizzato dall’ANCEM con il sostegno del Comune di Napoli. Un concerto quindi, ma non solo un concerto: è una stretta di mano ed un augurio di pace e di rinascita”, ha commentato Zigante.

La rassegna “Scampia – Il progresso attraverso la Cultura” si concluderà al “Galileo Ferraris” domenica 18 con l’Orchestra Junior Verticale composta dei giovani dell’ottava Municipalità – a testimonianza che l’impegno che si intende profondere in questa programmazione viene raccolto dal territorio – in collaborazione con l’Istituto Melissa Bassi. Inoltre, dall’8 al 18 al Centro Hurtado si terrà un laboratorio di formazione orchestrale per la preparazione del concerto finale.

Ingresso gratuito, per prenotazioni [email protected].

L’Associazione Napoli Capitale Europea della Musica (A.N.C.E.M.), da oltre un ventennio pone in essere la sua attività tendente alla diffusione della cultura musicale sul territorio, attraverso manifestazioni, parte specificatamente concertistiche, parte culturali, per rendere accessibile ad una vasta fascia di pubblico il suo messaggio artistico. Ed è proprio per raggiungere fasce diverse della collettività che l’ANCEM interviene su due sedi diverse sia topograficamente che per l’impatto sociale che da ciò ne deriva. Prosegue l’ormai tradizionale appuntamento con il pubblico del Teatro Diana, con l’Orchestra da Camera Accademia di Santa Sofia, ed è stata varata una serie di manifestazioni presso l’Istituto Pontano, allocato nello storico Palazzo Cariati, comprendente giornate di approfondimento culturale su tematiche diverse, quali la figura di Enrico Caruso, quella di Pier Paolo Pasolini ed infine l’analisi del delicato rapporto tra autore ed interprete. “La cultura, ed in ciò crediamo fermamente e in tal senso operiamo, è progresso sociale e civile”. Così Zigante.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]