Tratta, sfruttamento lavorativo, caporalato: intrecci, metodo di lavoro, dialogo tra sistemi

Condividi

Centro Fernandes, Via Domitiana km 33.5 n° 480

Castel Volturno (CE) 

23 maggio 2022 ore 10 -13

Nell’ambito del progetto Fuori Tratta, azioni per l’emersione, l’assistenza e l’integrazione sociale rivolte alle vittime di tratta e grave sfruttamento, il 23 maggio si tiene un incontro con Mario Morcone, Assessore all’Immigrazione della Regione Campania, Annaclaudia Servillo, Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per le Pari Opportunità,  Giampiero Losapio, Direttore Consorzio NOVA, Gianfranco Della Valle, Numero Verde contro la Tratta e gli enti coinvolti nel progetto.

Un incontro tra attori del pubblico e del privato sociale nella regione, impegnati sui temi della tratta, grave sfruttamento lavorativo  e capolarato per rafforzare la collaborazione e comprendere meglio l’evoluzione dei fenomeni e i loro intrecci, per costruire un coordinamento e un fare condiviso tra i vari sistemi e progetti d’intervento.

Partendo dall’identificazione delle vittime di tratta e sfruttamento lavorativo, i contributi specifici vertono su interventi e azioni finalizzate all’emersione, all’inserimento socio lavorativo e al miglioramento delle condizioni di vita soprattutto delle persone di origine straniera, le più coinvolte in questa violazione dei diritti umani.

Il progetto Fuori Tratta finanziato dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, vede Dedalus Cooperativa Sociale come ente capofila e come enti attuatori Arci Salerno APS, Comunità Rut – Congregazione Suore Orsoline SCM, Cooperativa E.V.A. Onlus, Arcidiocesi di Capua – Centro Fernandes e Cooperativa Sociale Il Melograno.

L’incontro si tiene in presenza. 

L’iscrizione è obbligatoria al link https://forms.gle/mDrRoz5vkR3Q2wa29 

Si potrà seguire la diretta sulla pagina Facebook Fuori Tratta

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]