Tra Russia e Cina cresce la cooperazione. Colloquio telefonico tra Vladimir Putin e Xi Jinping

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

“Il 15 giugno la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha affermato che le affermazioni secondo cui le azioni militari speciali della Russia violano il Diritto internazionale hanno puramente l’obiettivo di servire la politica statunitense. Siria, Libia, Iraq e altri paesi sono stati bombardati e invasi dalla Nato guidata dagli Stati Uniti e questi ultimi hanno manovrato congiuntamente il golpe in Ucraina rovesciando il governo legittimamente eletto. Queste azioni hanno colpito gravemente il sistema del Diritto internazionale.
Maria Zakharova ha inoltre sottolineato che negli otto anni passati la Russia ha continuato a promuovere l’applicazione del Protocollo di Minsk e mentre l’Occidente non ha fatto nulla.”
Radio Cina Internazionale

Infatti per Xi Jinping “le azioni della Russia per la difesa dei suoi interessi nazionali di fronte alle sfide esterne sono legittime.”
“Il 15 giugno il presidente cinese Xi Jinping ha avuto un colloquio telefonico con il suo omologo russo Vladimir Putin.
Xi Jinping ha indicato che nell’anno corrente, di fronte a mutamenti globali, Cina e Russia hanno mantenuto buon andamento di sviluppo. La Cina intende promuovere insieme alla Russia uno sviluppo stabile e lungimirante della cooperazione concreta bilaterale. La Cina è disposta a continuare a sostenersi reciprocamente con la Russia nelle questioni più importanti e sugli interessi centrali che riguardano la sovranità e la sicurezza, stringere il coordinamento strategici dei due paesi e rafforzare i contatti e il coordinamento nel quadro delle principali organizzazioni internazionali e regionali incluse l’Onu, il BRICS e l’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai, promuovendo la solidarietà e la cooperazione tra mercati emergenti e paesi in via di sviluppo, nonché l’ordine internazionale e la governance globale verso una direzione più equa e ragionevole.
Da parte sua, Putin ha detto che grazie alla ferma guida del presidente Xi la Cina ha ottenuto straordinario sviluppo, per cui la Russia esprime il suo sincero augurio. Nell’anno corrente la cooperazione concreta fra Russia e Cina ha realizzato sviluppo stabile. La Russia sostiene la proposta sulla sicurezza globale avanzata dalla Cina e si oppone a qualsiasi forza che interviene negli affari interni della Cina strumentalizzando le questioni del Xinjiang, di Hong Kong e Taiwan. La Russia intende rafforzare la cooperazione multilaterale con la Cina e sforzarsi nella promozione del multipolarismo e dell’edificazione di un ordine internazionale più equo e ragionevole.
I due capi di Stato hanno inoltre avuto uno scambio di vedute sulla questione ucraina. Il presidente cinese ha sottolineato che la Cina dà sempre il suo giudizio in modo indipendente e autonomo sulla questione ucraina dal punto di vista storico e sulla base dei fatti, promuovendo attivamente la pace mondiale e la stabilità dell’ordine economico globale. Tutte le parti devono promuovere la soluzione più adatta alla crisi in Ucraina in modo responsabile, e la Cina è disposta a valorizzare il suo ruolo.”
Radio Cina Internazionale

“Tra Russia ed Europa c’è un’assoluta complementarietà dal punto di vista delle economie. Abbiamo anche basi culturali comuni, per cui immaginavo una futura integrazione”
Generale Vincenzo Camporini

Sull’affermazione del generale nutro grossi dubbi: forse una parte dell’Europa è complementare alla Russia, non tutta.
“Comunque la si guardi abbiamo le mani sporche di sangue perché stiamo finanziando la guerra in Ucraina”. Il duro intervento di Arnold Schwarzenegger, attore ed x governatore della California.

“Nel nostro paese solo il 56 per cento crede che il conflitto sia colpa di Putin, con il 27 per cento che dà la colpa al fronte occidentale.”
Francesco Dalmazio Casini, giornalista de Il Foglio

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.