Tra eventi politici e dolce vita dei Sixties “Amalfi anni ’50 e ’60, Alfonso Fusco, fotografo”

Condividi

Lunedì 24 ottobre h. 19,30 allo spazio J di Napoli anteprima delle attività autunno/inverno 2022

Inizio delle attività culturali allo spazio J di Napoli (Vico Santa Maria della Neve, 7 – Riviera di Chiaia) con un’anteprima che anticipa il fitto calendario di eventi che animerà le serate d’autunno/inverno napoletane. Lunedì 24 ottobre alle ore 19,30 si terrà la presentazione del libro Amalfi anni ’50 e ’60, Alfonso Fusco, fotografo (Puracultura edizioni). All’incontro prenderanno parte Claudia Bonasi curatrice del volume, l’antropologo Vincenzo Esposito, il professore Gius Gargiulo e l’editore di Puracultura Antonio Dura.

Il volume di 120 pagine ospita 200 scatti accuratamente selezionati e divisi per sezioni da Claudia Bonasi. La prefazione al libro è a cura di Vincenzo Esposito, docente di Antropologa culturale (Unisa).

Alfonso Fusco, amalfitano, classe 1938 e scomparso da pochi anni, ha operato come fotografo a cavallo tra gli anni ’50 e ’60: nel suo archivio rinvenuto dalla famiglia emergono migliaia di negativi che testimoniano i cambiamenti in corso in quel preciso periodo che va dalla fine della seconda guerra mondiale all’inizio della “dolce vita” amalfitana. Fusco punta il suo obiettivo e cattura, in una sorta di neorealismo fotografico, tutto ciò che avviene ad Amalfi in quegli anni: scatti di vita quotidiana – matrimoni, manifestazioni pubbliche, campagne elettorali – ma anche eventi particolari, come le splendide feste con le ballerine dell’Africana o l’arrivo di Jacqueline Kennedy nella divina costiera.

Claudia Bonasi, giornalista presso il Mattino e Puracultura, opera prevalentemente a Salerno e provincia. Nel 2012 ha fondato con Antonio Dura la rivista mensile cartacea e on line Puracultura (www.puracultura.it), attività editoriale indipendente. Si occupa prevalentemente di comunicazione e progetti editoriali.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]