Torre Annunziata | Sanità territoriale, La paranza delle idee: «PNRR, quali investimenti nell’area torrese-boschese?»

Condividi

Il PNRR prevede importanti investimenti per il rafforzamento della sanità territoriale, cioè quella che opera al di fuori degli ospedali e che più è mancata in questi oltre due anni di lotta alla pandemia.

Alla Campania andranno oltre 380 milioni di euro per la realizzazione entro il 2026 di 169 Case della Comunità (con presenza medica 24 ore al giorno, 7 giorni su 7, e strumentazione diagnostica di base, per l’effettuazione di prelievi, vaccinazioni e di alcuni tra i principali esami e screening), di 45 Ospedali della Comunità (da 20 posti letto, per le degenze brevi e per ridurre gli accessi impropri ai Pronto Soccorso) e di 58 Centrali Operative Territoriali (per il coordinamento e l’integrazione dei servizi sociosanitari).

In particolare, nell’ASL Napoli 3 Sud dovranno essere realizzati 29 Case della Comunità, 8 Ospedali della Comunità e 10 Centrali Operative Territoriali.

A Torre Annunziata, rimasta senza guida politica, e, più in generale, nel distretto torrese-boschese come ci si sta organizzando per attuare parte di questi investimenti sul territorio?

È nostra intenzione provare ad approfondire quest’aspetto, al quale la politica locale, con i Sindaci in testa, e regionale è chiamata a dare una risposta.

Senza dimenticare che sul futuro dell’ospedale di Boscotrecase sono stati fatti dei precisi e molto impegnativi annunci, rispetto ai quali auspichiamo ulteriore chiarezza.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]