The Batman, il Cavaliere Oscuro come non l’avete mai visto

Condividi
Gabriele Laurino
Laurino Gabriele

Un film di supereroi come The Batman, al cinema dal 3 marzo 2022, non si era mai visto. Matt Reeves, regista di questa operazione di riscrittura di una delle figure più celebri della cultura pop, segue il binario creativo tracciato dal Cavaliere Oscuro di Christopher Nolan, ma confeziona anche una pellicola profondamente diversa, e diversamente autoriale.

In The Batman seguiamo le vicende di un uomo pipistrello al suo secondo anno di attività in una Gotham City corrotta, marcia, spettrale, mai così “protagonista” in un film su Bruce Wayne. A vestire i panni dell’eroe è Robert Pattinson, che finalmente può dimostrare al grande pubblico di essersi lasciato alle spalle il vampiro adolescente di Twilight. Lui, che nell’ultimo decennio ha già dato prova del proprio spessore attoriale in svariati lungometraggi d’autore, ma che necessitava di un confronto con il pubblico mainstream per affermare il suo talento.

The Batman è un film profondamente noir, introspettivo e intimo nel tratteggiare la psicologia di un Cavaliere Oscuro mai così fragile e mentalmente dissociato, contrapporto ad un antagonista da antologia. Paul Dano veste i panni dell’Enigmista, interpretando un cattivo molto lontano dalla versione caricaturale passata di Jim Carrey. L’Enigmista di The Batman è un villain di grande spessore, molto più vicino al leggendario Joker di Heath Ledger, non meno iconico e forse addirittura più coerente nei confronti della sceneggiatura.

The Batman è insomma un “cinecomic” di altissimo profilo, una pellicola che metterà d’accordo i fan irriducibili dei fumetti DC Comics e persino una platea più esigente, che cerca qualcosa di diverso dai soliti supereroi votati esclusivamente al divertimento e alla spettacolarità.

Gabriele Laurino

Mi chiamo Gabriele e sono da sempre appassionato di cultura pop. Cinema, televisione, fumetti e videogiochi sono il mio pane quotidiano, un amore che ho trasformato in un lavoro a tempo pieno. Mi occupo di critica cinematografica e videoludica, oltre che di informazione riguardante il mondo dello spettacolo, e sono sempre alla ricerca di nuovi stimoli per arricchire il mio bagaglio culturale.