Terzo Polo, un boomerang fulmineo

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

“Trent’anni che vi dicono votate noi altrimenti c’è la destra o altrimenti c’è la sinistra. E poi tutti si alleano con tutti. Il risultato è che l’Italia si è allontanata dai grandi paesi europei, qualsiasi indicatore si consideri. Potete rompere questa maledizione ora.”
Carlo Calenda, Azione

Il terzo polo? Calenda dice che l’accordo con Renzi sia stato raggiunto. E sui sondaggi che li danno al 4 per cento: “Non mi preoccupano, ora la gente è al mare”.
“Tante persone ragionevoli chiedono un’alternativa tra la destra populista e la sinistra confusionaria. Il Terzo Polo deve essere l’embrione significa un progetto politico serio per il futuro dell’Italia.”
Luigi Marattin, Italia Viva

“Sono profondamente convinto che oggi il centro lo si costruisce solo nel cuore del centrodestra, ciascuno facendo la propria parte, smettendola con la logica del litigio, della perenne critica e degli slogan. Questa è la ragione per cui Noi con l’Italia è nata e per la quale ci siamo rimessi in gioco.
Per questo bocciamo il cosiddetto terzo polo: nella politica che esprimiamo ci sono la serietà, la competenza e la lealtà, e chi ambisce a governare deve assumersi la responsabilità di essere affidabile. Il compito di noi moderati e liberali è quello di dare forza alla proposta della coalizione, non di inseguire chimere.”
Maurizio Lupi, Noi con l’Italia

“Mentre Letta, Calenda e compagni si esibiscono quotidianamente in esilaranti siparietti di cui gli italiani farebbero volentieri a meno, Berlusconi e il centro-destra parlano di programmi, idee e proposte per fare ripartire il Paese. 
E’ finito il tempo della politica ciarliera e litigiosa, serve un approccio serio, credibile e costruttivo come quello di Silvio Berlusconi, che preferisce parlare di progetti concreti e non di poltrone o manovre di palazzo. Forza Italia in campagna elettorale non promettera’ nulla che non sia certa di poter realizzare una volta al Governo. Gli elettori vanno rispettati, non e’ tempo di slogan e di litigi inutili ma di senso di responsabilità e pragmatismo.”
Gabriella Giammanco, Forza Italia

È vero che il nostro tempo ha offerto ed offre il più grande numero di opzioni possibili. Sono i programmi che, come fa notare la sen. Giammanco,  non sono chiari.
Calenda e Carfagna si stanno riempiendo la bocca di partecipazione, consenso, terzo polo… E tutto è già tornato indietro come un boomerang. Si chiedano, dunque, il perché di questo disincanto fulmineo degli elettori nei loro confronti. A noi giornalisti basta guardare le infinite occasioni di disamore che la politica sta offrendo ogni giorno.
Le identità politiche di questo terzo polo sono molto diversificate ed evidenziano l’incapacità di una sintesi organica.
Ci vorrebbe uno sguardo sintetico, una ricomposizione degli squilibri e delle conflittualità.
Calenda con Carfagna ne sono capaci?
“Non si capisce in base a quale bislacco ragionamento Letta, Bonelli, Di Maio e Fratoianni siano un’ammucchiatae Calenda, Pizzarotti, Gelmini, Carfagna, Renzi e Brunetta siano terzo polo.”
Fabio Salamida, giornalista e scrittore

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.