Terra dei fuochi: piano di azione delle prefetture di Napoli e Caserta per il contrasto ai roghi dei rifiuti

Condividi

Il punto della situazione nella riunione interprovinciale: potenziati i sistemi di monitoraggio controllo e dell’area 

Punto di situazione sul “Piano di azione” per il contrasto ai roghi dei rifiuti nella “Terra dei Fuochi”. Questo il tema al centro della riunione di questa mattina, presso il palazzo di Governo di Napoli, tra il prefetto di Napoli, Claudio Palomba e di Caserta, Giuseppe Castaldo.

All’incontro hanno partecipato i vertici delle Forze dell’ordine delle province di Napoli e Caserta, i sindaci di Giugliano in Campania, Afragola, Caivano, Mugnano di Napoli, Qualiano, Aversa, Casapesenna e Carinaro in rappresentanza della Consulta Intercomunale ed interistituzionale della “Terra dei Fuochi”, il direttore regionale e il comandante provinciale dei Vigili del Fuoco, il domandante delle Forze Operative Sud, il comandante del Raggruppamento Campania dell’Esercito Italiano, l’incaricato per il contrasto dei roghi di rifiuti nella regione Campania e il comandante del Gruppo Forestale Carabinieri, il Comandante del Corpo di Polizia Metropolitana di Napoli, i rappresentanti del Comitato “Kosmos – Ambiente e Salute” e il rappresentante del vescovo di Aversa.

Nel corso della riunione il prefetto Palomba ha comunicato che il ministero dell’Interno ha stanziato fondi dedicati al potenziamento delle polizie locali che potranno essere impiegati per l’assunzione di personale a tempo determinato e per la corresponsione di lavoro straordinario ai vigili urbani che prestano servizio nei comuni ricompresi nella Terra dei Fuochi.

Al fine di rispondere in tempi rapidi alle esigenze degli enti interessati sarà istituito apposito tavolo tecnico con tutti i soggetti istituzionali coinvolti.

Anche il finanziamento di nuovi sistemi di videosorveglianza con i fondi Piano operativo complementare del PON Legalità 2014-2020 del ministero dell’Interno – tra i cui beneficiari rientrano diversi comuni siti nel perimetro della Terra dei Fuochi – concorrerà all’incremento delle attività di prevenzione e contrasto al fenomeno dei roghi di rifiuti.

Inoltre è in atto, presso le aree di riferimento, il controllo del territorio attraverso i droni dei Vigili del Fuoco in collaborazione con l’Esercito Italiano e, a breve, verrà stipulato un protocollo per l’utilizzo dei droni in dotazione alla Guardia di Finanza.

Nel corso della riunione si è provveduto a una rimodulazione del piano dei controlli da parte del contingente Terra dei Fuochi dell’Esercito Italiano, disponendo attività di tipo dinamico. Saranno operative, inoltre, 4 squadre aggiuntive di Vigili del Fuoco, oltre a quelle ordinarie, per le attività di monitoraggio e di controllo.

Al termine della riunione il prefetto di Napoli ha annunciato che sarà prossimamente convocata una riunione della sezione Territorio, Ambiente e Infrastrutture della Conferenza Permanente, con il coinvolgimento anche dell’associazionismo e delle diocesi. In tale occasione verrà proposta anche l’istituzione di una Task Force formata da soggetti con specifica professionalità per i controlli presso le aziende e le imprese, con il contributo integrativo di esperti interni per migliorare la strategia di contrasto al fenomeno dei roghi nell’ambito della Terra dei Fuochi, sul quale rimane elevata l’attenzione.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]