Terra dei Fuochi, Ferrillo: Vicario di Cristo non ascolti solo le solite ‘campane’

Condividi

Papa Francesco finalmente sarà ad Acerra. Ad ufficializzarlo la Diocesi in una nota ufficiale.  A cinque anni esatti dalla Lettera enciclica “Laudato si'” sulla cura della casa comune, Papa Francesco sceglie di celebrarne l’anniversario il prossimo il 24 maggio 2020 ad Acerra, proprio al centro di quei territori inquinati tra Napoli e Caserta, sorvolando i quali nel 2014 – ha detto il Pontefice in un libro intervista – fu «un fatto puntuale», che «mi commosse, e da allora fu un crescendo attraverso le notizie, una presa di coscienza lenta».

La presenza di Papa Francesco nelle nostre terre, e in particolare nella  diocesi di Acerra, è una «grazia speciale», dichiara il vescovo Antonio Di Donna, perché «il Papa viene ad ascoltare insieme ai vescovi, soprattutto delle diocesi più colpite dall’inquinamento, le sofferenze della nostra gente, e per ricordare le altre Terre dei fuochi d’Italia».
La Visita è perciò «per noi un evento storico che ci riempie di gioia, una iniezione di fiducia e di speranza per le famiglie, in modo speciale quelle dei bambini e dei ragazzi colpiti dalla malattia».

E di sicuro «darà nuova linfa al cammino che le diocesi della Conferenza episcopale campana stanno già facendo per educare i cristiani, adulti e bambini, alla giustizia, alla pace e alla salvaguardia del creato», aggiunge il presule, per il quale il quinto anno della Laudato si’ ad Acerra, è però anche una esortazione a «verificare lo stato di accoglienza di quel profetico documento».

Il Santo Padre Francesco arriverà nella prima mattinata di domenica 24 maggio 2020 ad Acerra; dopo aver attraversato la Città, incontrerà i Vescovi, i Parroci, i Sindaci dei Comuni della “Terra dei fuochi”, e una rappresentanza di Famiglie che hanno avuto vittime dell’inquinamento ambientale; seguirà la Concelebrazione eucaristica in piazza Calipari e la preghiera del Regina caeli.
Subito dopo il Santo Padre farà rientro in Vaticano.

E’ già stata inoltrata richiesta dei due presidenti delle associazioni Terra dei Fuochi – Kest’è di essere nell’occasione, anch’essi uditi dal Papa, sposando in pieno le parole di Monsignor Di Donna : ”La Visita del Papa è iun forte appello alle Istituzioni, perché finalmente venga fatta verità nei nostri territori, e soprattutto venga garantito uno sviluppo vero alle nostre terre, che ponga al centro l’uomo, il suo sviluppo integrale, compatibile con la fondamentale e originaria vocazione agricola, archeologica e turistica”, che conclude invitando «tutti a pregare» per questo «momento speciale di grazia».

Così in una nota Angelo Ferrillo, Presidente dell’associazione “La Terra dei Fuochi” .

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]