Teresa Rea è la nuova presidente dell’Opi Napoli

Condividi

“Sono commossa, emozionata e onorata di rappresentare gli oltre 21mila infermieri e infermieri pediatrici di Napoli. Professionisti seri, preparati e generosi, che tanto danno ogni giorno per assicurare l’assistenza sanitaria in condizioni a volte al limite del possibile. A loro, ai tanti colleghi scomparsi a causa della pandemia, va ora il mio pensiero di gratitudine e di riconoscenza”. Così Teresa Rea, infermiera al Policlinico Federico ll, con dottorato di ricerca in Economia e Management aziendale, eletta nuova Presidente dell’Opi Napoli, l’Ordine professionale che raggruppa gli infermieri e gli infermieri pediatrici.

NARDONE

All’unanimità il Consiglio direttivo dell’Opi, eletto nella recente tornata elettorale, ha designato anche il vicepresidente (Nello Lanzuise); il segretario (Alessandro Olivieri); il tesoriere (Gennaro Sanges).

Poi rivolgendosi al Consiglio direttivo e alle Commissioni d’Albo riunite per l’occasione ha aggiunto: “Dobbiamo sentirci tutti più responsabilizzati e consapevoli dell’onore e dell’onere che ci tocca da oggi in poi. Ringrazio chi ha creduto in me in questi anni, chi mi ha sostenuta e guidata – ha detto Rea -. Ringrazio in primis Ciro Carbone, presidente uscente, per quanto ha dato in tutti questi anni alla professione e per i suoi preziosi insegnamenti. Ringrazio gli oltre 4100 colleghi che hanno partecipato con ordine e rispetto delle norme anticovid alle votazioni, dimostrando un forte attaccamento alla professione e un alto senso civico. Da oggi – ha precisato infine la neo presidente – il mio impegno sarà rivolto soprattutto al pieno riconoscimento del lavoro infermieristico, delle nostre competenze negli ospedali e sul territorio. E poi molta attenzione ai giovani, alla ricerca e alla formazione. Con un orizzonte preciso: il cittadino al centro del sistema salute”.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]