Tecnologia 5 G, Webinar gratuito con il Prof. Nicola Pasquino

Condividi

Napoli, 13 lug. – È in corso il Webinar gratuito sul 5 G, il convegno svolto su piattaforma GoToWebinar, gestita dalla Ergon Ambiente e Lavoro S.r.l.

NARDONE

La tecnologia 5G è già una realtà della nostra società, su cui però proliferano incertezze, domande e falsi miti.

Per fronteggiare il dubbio dilagante sull’evoluzione tecnologica del 5 G ed i suoi effetti su salute, ambiente ed innovazione,  bisogna spiegare come e su cosa sta lavorando la ricerca scientifica, da circa quarant’anni.

Una tavola rotonda virtuale con esperti e addetti ai lavori, cerca di fare chiarezza  sull’impiego del 5 G, rispondendo in diretta alle domande di scettici, studiosi e curiosi, iscritti al Webinar.

L’intervento del Prof. Ing. Nicola Pasquino, docente presso l’Universitá Federico II di Napoli e Presidente CT106 “Esposizione Umana ai Campi Elettromagnetici”, CEI, servirà a spiegare l’impatto effettivo del 5 G sulla popolazione.

Avvalendosi dei risultati della ricerca sui campi elettromagnetici, il prof. Pasquino contrasterà con dati alla mano, le tante fake news circolate in periodo pandemico sulla correlazione tra 5 G e coronavirus, oltre che sul rischio cancerogeno dell’uso della tecnologia di ultima generazione.

Più volte, da esperto, Pasquino ha citato i dati OMS che inseriscono i campi elettromagnetici per rischio cancerogeno, nella classe 2 B, al pari del succo d’aloe vera, dell’acido caffeico o di altre 180 sostanze tra alimenti e composti, oltre che di attività professionali quali la falegnameria.

Coniugando informazione e conoscenza acclarata, il Professore enumererá al contrario, i possibili vantaggi dell’uso del 5 G: maggiori informazioni trasmesse più rapidamente, inquinamento cautelativo (più antenne sui territori equivalgono a minori emissioni di onde di ogni singola antenna), sviluppo della telemedicina con controlli preventivi sulla salute umana, impiego in macchine a guida autonoma.

Il convegno rivolto ad Amministratori e responsabili tecnici dei Comuni, tecnici e dirigenti delle Agenzie per l’ambiente, tecnici e dirigenti degli Assessorati “Salute” e “Territorio e Ambiente”, associazioni di cittadini, associazioni scientifiche, cittadinanza, ingegneri, fisici, medici, chiarirà anche la posizione dell’Italia rispetto agli altri paesi europei, nell’adozione di misure più stringenti sull’installazione e potenza irradiata dalle singole antenne 5 G.

 

 

 

 

loading...

Pina Stendardo

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.