Teatro Totó, grande festa della musica anni ‘80 con Milena Setola

Condividi

Napoli, 25 mag. – Anima soul, prorompente bellezza e tanta voglia di cantare fin da quando aveva 12 anni, facendo buona musica. Questa la cartina tornasole dell’artista Milena Setola, pronta a coinvolgere il 25 Maggio alle ore 21.00, amici e pubblico col suo sound presso il Teatro Totò.

Iscritta attualmente al Conservatorio di San Pietro a Majella, Napoli, la cantante che ha conseguito brevetto da vocal coach con metodo Vocal Power ideato a Los Angeles, ha scelto di compiere un viaggio a suon di note insieme ai suoi compagni da palcoscenico. Perché la musica anni ’80? Naturalmente perché ha segnato una tappa importante per la musica leggera italiana, donando tracce su cui danzare, spesso emozionandosi fino al tripudio gioioso o alle lacrime. Cristian Di Iorio alla batteria, Lello Crispino alla batteria, Vincenzo Marino al basso, Giuseppe Mellone alla chitarra classica, Simone Ottaviano alla chitarra elettrica, Luigi Pignalosa alla tastiera e i coristi Giulio Cesare Paoli e Sara Giglio, daranno lustro questa sera agli arrangiamenti di Luigi Pignalosa.

Appassionata anche di teatro, la Setola si presenta come autrice dei suoi brani, spesso diffusi in contesto radiofonico. Ha partecipato ai Contest attivati in seno al Festival di Sanremo e a Music Farm, il reality talent targato Rai 2. ‘Non so dirti’ è il suo ultimo singolo, incentrato sui sentimenti delle donne. Una voce da ampie note ed il ritmo easy, caratterizza ogni suo lavoro o riproposizione musicale, che guadagna respiro grazie al suo talento. Nel curriculum artistico vanta collaborazioni con Gianni Fiorellino, il Maestro Enzo Campagnoli e il cantautore Nevada.

Lo spettacolo ‘Milena Setola prima o poi...’ vedrà salire sul palco i Mr Hyde e Gennaro De Crescenzo, strizzando l’occhio alla comicità di Peppe Laurato e Rosaria Miele, protagonisti del format tv ‘Made in Sud’.

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.