Successo degli Itinerari della Città Metropolitana di Napoli al Salone Mondiale dell’UNESCO di Siena

Condividi

Napoli, 27 set. – La Consigliera Delegata Elena Coccia: “Partire dai Siti cha hanno già ricevuto il sigillo UNESCO – il Centro Storico di Napoli, i siti archeologici di Pompei, Ercolano e Torre Annunziata, Nola con i suoi Gigli – per valorizzare tutto il patrimonio storico-artistico e culturale dell’area metropolitana: Cimitile e le sue Basiliche Paleocristiane, i Campi Flegrei, Liternum, Boscoreale con l’Antiquarium, Poggiomarino con il suo sito protostorico di Longola, Striano e le sue tombe, Terzigno con le Ville Rustiche e i suoi Musei, i Comuni del Parco Nazionale del Vesuvio, Agerola e i Monti Lattari, i Siti Reali Borbonici”. Il programma di itinerari che la Città Metropolitana di Napoli ha presentato al WTU è stato accolto con grande successo dai visitatori e dai buyers e tour operators internazionali. Il plauso del Sottosegretario ai Beni Culturali, Ilaria Borletti Buitoni. Il Consigliere Metropolitano Delegato, Rosario Ragosta: “Occasione per inversione di rotta per territori come Liternum”.

NARDONE

La Città Metropolitana ha anche organizzato due convegni, nel corso dei quali il Generale Curatoli ha illustrato il Grande Progetto Pompei e il Presidente Alessandro Manna, ha presentato ufficialmente il progetto di candidatura a Bene Patrimonio dell’Umanità per le Residenze Borboniche.

Presenti a Siena anche il Delegato per l’UNESCO della Regione Campania, l’ambasciatore Francesco Caruso, e il professor Luigi Petti, Segretario generale di ICOMOS, il Consiglio Internazionale dei Monumenti e dei Siti Unesco.

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]