“Su l’arida schiena”: il 3 e 4 luglio 2021 appuntamento a Villa delle Ginestre con il Gruppo FAI Vesuvio

Condividi

Una serie di percorsi narrativi nella dimora dove Antonio Ranieri, nel 1836, ospitò Giacomo Leopardi, che vi soggiornò fino a poco prima della morte: il luogo dove il poeta di Recanati scrisse diversi Pensieri, Il tramonto della luna e, soprattutto, La ginestra, la lirica da cui la villa prese il nome.

NARDONE

Il Fai Delegazione di Napoli – Gruppo Vesuvio organizza, per i giorni 3 e 4 luglio prossimi, l’evento “Su l’arida schiena” scegliendo come location Villa delle Ginestre a Torre del Greco. Come nella tradizione del FAI, i narratori accompagneranno i visitatori negli ambienti della villa vesuviana, raccontando lo speciale rapporto tra Leopardi e il territorio all’ombra del vulcano, dove il poeta ha soggiornato, arrivando a scrivere una delle liriche più importanti e note della sua produzione letteraria.

Sabato 3 luglio sono tre gli appuntamenti in programma alle ore 17.30, 18.30 e 19.30. Domenica 4 luglio, invece, si inizierà alle 9.30 per poi proseguire alle 10.30, alle 11.30 e alle 12.30 con quattro percorsi narrativi.

Sempre domenica 4 luglio, alle ore 11.30, ci sarà un laboratorio di lettura per bambini (4-10 anni) a cura della libreria “La bottega delle Parole” (per prenotarsi è necessario inviare una mail a: [email protected]).

I percorsi narrativi saranno arricchiti da letture a cura dell’Associazione Poesie Metropolitane e dalle incursioni musicali del sassofonista Raffaele Caputo.

L’evento è realizzato grazie alla collaborazione con Fondazione Ente Ville Vesuviane.

Si ringraziano, inoltre, Vivaio Jole e Poligrafica Industriale.

Nel corso dell’evento sarà possibile iscriversi al FAI. I giovani (18-35 anni) potranno usufruire della quota di benvenuto di € 15,00.

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA SU WWW.FAIPRENOTAZIONI.FONDOAMBIENTE.IT (CONTRIBUTO MINIMO € 3,00)

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]