Strage di cristiani ad Ondo in Nigeria

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Dei terroristi hanno fatto esplodere un bomba e poi avrebbero sparato all’impazzata uccidendo i fedeli nella chiesa cattolica di San Francesco, ad Owo, nello stato di Ondo, in Nigeria. Ci sarebbero decine di morti tra i fedeli, anche bambini.
“Resto sgomento di fronte all’esecuzione sommaria di fedeli, tra cui molte donne e bambini, colpevoli solo di assistere a una funzione religiosa.
In Nigeria, da molti anni, è in atto un genocidio nei confronti dei cattolici che ha portato a decine di migliaia di morti in attentati terroristici.
Il Governo e il Ministro degli Esteri intervengano per aiutare a trovare una soluzione per porre fine a queste stragi che continuano nel silenzio e nell’indifferenza.”
Maurizio Lupi, Noi con l’Italia

“Nel giorno di Pentecoste ennesimo attacco contro i cattolici in una chiesa in Nigeria: anche bambini tra le decine di morti. È ormai una strage che continua nel silenzio. Piango le vittime, piango per le famiglie e piango per il cinismo di chi si disinteressa di questo genocidio.”
Matteo Renzi, Italia Viva

“Il terribile attacco in una chiesa cattolica a Ondo in Nigeria, dove sono state massacrate più di 50 persone, tra cui molto bimbi, ci ricorda tragicamente che non c’è solo la guerra in Ucraina. Sono 59 i conflitti nel mondo.”
Antonello Perillo, vicedirettore Tgr Rai

“Le notizie terribili che arrivano dalla Nigeria lasciano sgomenti, senza parole. L’impotenza che tutti sentiamo in questo momento è pari alla rabbia per questa violenza cieca, barbara e ingiustificata.”
Enrico Letta, PD

“La persecuzione dei cristiani nel mondo è un fenomeno troppo spesso sottovalutato. Attacchi come quello di oggi in Nigeria devono essere contrastati, lavorando anche a una rapida risoluzione della crisi alimentare che rischia di fomentare il terrorismo.”
Antonio Tajani, Forza Italia

“Quanto accaduto in Nigeria lascia esterrefatti. Una strage, all’interno di una Chiesa, dove hanno perso la vita dei fedeli, tra cui dei bambini. Il mio pensiero e la mia preghiera per le vittime e un abbraccio a tutta la comunità cristiana e un pensiero ai cristiani perseguitati.”
Carolina Vacchi, Fratelli d’Italia

“Ennesima strage di cattolici in una chiesa in Nigeria.
Circa 50 le vittime dell’ennesimo massacro compiuto ai danni di vittime inermi (bimbi, donne).
Anni di un eccidio “di serie b” secondo media e social.
Tanti i conflitti di cui non si parla. Troppe le vittime inesistenti.”
Marco Mazzocchi, giornalista e conduttore televisivo

“Orrore che lascia senza parole e che ci ricorda, una volta di più, il dramma dei cristiani perseguitati.
Ci stringiamo alle famiglie: a loro vanno le nostre preghiere e la promessa di non voltarci dall’altra parte.”
Matteo Salvini, Lega

“La strage avvenuta in una chiesa cattolica ad Ondo, in Nigeria, nel giorno della Pentecoste, nella quale sono state uccise oltre 50 persone fra cui molte donne e bambini, è un fatto di orrore e sangue indicibile. Siamo di fronte all’ennesima strage di cristiani innocenti, causata da intolleranza religiosa alimentata da terroristi privi di umanità. Azioni drammatiche e preoccupanti che non possono essere più ignorate dalla Nigeria e dalla comunità internazionale, sia per la tutela delle vite umane e della libertà religiosa, sia per i rischi di destabilizzazione politica che si celano dietro queste orribili stragi.”
Eugenio Comincini, PD

“Ennesimo attacco in una chiesa in Nigeria contro i cattolici nel giorno di Pentecoste.
Decine e decine di morti fra cui bambini. Una persecuzione grave che continua nel silenzio. Solidarietà a queste vittime, alle famiglie vittime di questo genocidio.”
Daniela Sbrollini, Italia Viva

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.