Start-up. Il progetto Re-educo premia i talenti digitali con lo School Contest

Condividi

L’Europa premia i migliori talenti digitali, le idee e i progetti realizzati dagli studenti che hanno preso parte al progetto Re-Educo promosso nell’ambito delle iniziative Erasmus+. Sono undici i progetti realizzati dai settanta ragazzi dalle quattro scuole italiane che hanno aderito al contest europeo: l’Istituto d’Istruzione Superiore “Borghese Faranda” di Patti (Messina), il Liceo Statale “Giorgio Buchner” di Ischia, l’Istituto d’Istruzione Superiore “G.M. Angioy di Carbonia e il Liceo Scientifico T. Gullace Talotta di Roma.  Il concorso, segue un percorso formativo svolto in aula dagli studenti, che sono stati accompagnati con delle sessioni di tutoraggio e webinar gestiti da esperti nel settore della formazione delle sturt-up e dello sviluppo aziendale. Sono stati forniti inoltre format e materiali di progettazione e metodologie per la definizione delle business-idea. Studenti e docenti hanno tradotto e sviluppato  le proprie opinioni in un’idea imprenditoriale nel campo delle applicazioni digitali negli ambiti del settore culturale e artistico; salute e benessere, smart city.

La prima fase del contest è terminata a fine giugno con la proclamazione di due gruppi vincitori, che accederanno al contest internazionale in programma nel mese di settembre. A rappresentare l’Italia ci sarà per il GRUPPO 1, il  Liceo Buchner di Ischia, ScAvengers of the sea, Categoria: Smart Cities. Al progetto hanno contribuito gli studenti: Buonocore Mirea, Di meglio Lucia, Ferrandino Adriano, Formisano Myriam, Sasso Giorgia e il docente: Raffaele Campanile. Per il GRUPPO 2- Parking Help – l’Istituto: ITCG Angioy di Carbonia –  Categoria: Smart Cities. Premiato il lavoro degli studenti: Melissa Uccheddu, Mia Sassi, Mattia Masala, Elena Masala, Gabriele Fara e della docente Cristiana Pivetta.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]