Sport, on. Troiano (Misto): Disabilita’ come valore inclusivo doppio. Emotional&sport esempio virtuoso di condivisione

Condividi

“Nel 2016 mi è capitato di fare un tour per l’Italia alla ricerca di best practices in grado di coniugare sport e disabilità, e tra le varie realtà che ho avuto modo di conoscere, una in particolare mi ha colpito, perché ci ho visto l’applicazione più completa dello sport nel settore della disabilità, e tutti i suoi effetti positivi.  Mi riferisco alla Polisportiva Olimpia Onlus di Cagliari: loro organizzano partite di calcio miste, in cui ragazzi normodotati giocano insieme ai ragazzi con disabilità, naturalmente rispettando i loro ritmi e le loro abilità”. Così l’onorevole Francesca Troiano, intervenuta ieri sera a Lecce al convegno “L’emozione è una vera abilità”, tenutosi nell’ambito della prima edizione di ‘Emotional & Sport’, il nuovo format ideato da Carmen De Gironimo, con il quale fino al 23 giugno, Emotional Studio&More porta in Salento, nell’ex Convento dei Teatini di Lecce, le emozioni che si trasmettono attraverso lo sport. A far da cornice anche una mostra dedicata interamente alla Nazionale di calcio maschile intitolata ” Un secolo d’ Azzurro”, che raccoglie cimeli storici e culturali. “Questo format di campo condiviso tra ragazzi normodotati e con disabilità” ha spiegato Troiano, “credo abbia una doppia valenza di inclusione perché noi siamo abituati costantemente ad andare a certi ritmi, i nostri. Il fatto di dover attendere quelli degli altri, che sono diversi dai nostri, credo sia un messaggio importantissimo da far passare oltre a tutti gli altri aspetti benefici dello sport”.
Alla kermesse hanno partecipato anche il Dott.re Francesco Manfredi, medico del Comitato Italiano Paralimpico (CIP), una delegazione di atleti di A.S.D. OLTRE SPORT e Sergio Brio, ex bandiera juventina.
A moderare la presentazione del libro Pierandrea Casto, docente di Scienza politica dell’Università del Salento.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]