Sparatoria in Texas: Diciannove bambini e due adulti sono morti in una sparatoria in una scuola elementare

Condividi

Salvador Ramos, 18 anni: ha parcheggiato l’auto, ha raggiunto il campus di una scuola elementare, la Robb Elementary School in Texas e, armato di fucile e pistola semiautomatica, ha cominciato a sparare. Pesantissimo il bilancio: 21 le vittime di cui 18 bambini, due adulti e lo stesso killer.

L’uomo armato ha aperto il fuoco alla scuola elementare Robb – che insegna ai bambini dai sette ai 10 anni – nella città di Uvalde prima di essere ucciso dalle forze dell’ordine, hanno detto i funzionari.

Il sospetto di 18 anni aveva una pistola, un fucile semiautomatico AR-15 e caricatori ad alta capacità, affermano gli investigatori.

L’adolescente è sospettato di aver sparato a sua nonna prima della furia.

I media locali riferiscono che potrebbe essere stato uno studente delle superiori della zona.

Il capo della polizia del distretto scolastico indipendente di Uvalde, Pete Arredondo, ha affermato che la sparatoria è iniziata martedì alle 11:32 ora locale e che gli investigatori ritengono che l’aggressore “abbia agito da solo durante questo crimine atroce”.

Il governatore del Texas Greg Abbott ha detto che l’assassino, che ha chiamato Salvador Ramos, ha abbandonato un veicolo prima di entrare nella scuola per aprire il fuoco “orribilmente, incomprensibilmente”.

Uno degli adulti uccisi era un’insegnante, che è stata nominata dai media statunitensi come Eva Mireles. La sua pagina sul sito web del distretto scolastico diceva che aveva una figlia al college e adorava correre e fare escursioni.

Quasi 500 alunni sono iscritti alla scuola prevalentemente ispanica a circa 85 miglia (135 km) a ovest della città di San Antonio.

L’agenzia di stampa Associated Press riporta che un funzionario della pattuglia di frontiera degli Stati Uniti che si trovava nelle vicinanze quando è iniziata la sparatoria si è precipitato nella scuola e ha sparato e ucciso l’uomo armato, che si trovava dietro una barricata.

Border Patrol è un’agenzia federale che protegge i porti di ingresso degli Stati Uniti. Uvalde, che si trova a meno di 80 miglia dal confine con il Messico, ospita una stazione di pattuglia di frontiera.

Secondo quanto riferito, due agenti di frontiera sono stati uccisi a colpi di arma da fuoco in uno scambio con l’uomo armato. Un agente è stato colpito alla testa, dicono i funzionari, aggiungendo che entrambi erano ora in condizioni stabili in ospedale.

Secondo CBS News, l’attaccante indossava giubbotti antiproiettile mentre eseguiva l’attacco. Un altro diciottenne sospettato di aver attaccato un negozio di alimentari a Buffalo, New York, il 14 maggio indossava anche giubbotti antiproiettile e portava un fucile semiautomatico, entrambi disponibili in commercio negli Stati Uniti.

L’Uvalde Memorial Hospital ha pubblicato in precedenza su Facebook che 13 bambini erano stati portati in ospedale “tramite ambulanze o autobus”.

Una donna di 66 anni e una ragazza di 10 anni erano in condizioni critiche in un ospedale di San Antonio, hanno detto i funzionari dell’University Health Hospital.

Questa è una tragedia profondamente scioccante, ma in America è anche tristemente familiare. Il dolore e la simpatia espressi in tutto il paese sono genuini. Ma nessuno è sinceramente sorpreso che ciò possa accadere.

Solo quest’anno ci sono già state 27 sparatorie a scuola. I bambini delle scuole giovani provano regolarmente cosa fare se un uomo armato entra nella loro classe.

Sono passati solo 10 giorni da quando dieci persone sono state uccise in una sparatoria di massa a New York.

I politici riconoscono che questo è un problema quasi unico in America, dove le armi hanno superato gli incidenti automobilistici come la principale causa di morte per bambini e adolescenti. Ma è un problema che la politica sembra incapace di risolvere. Le opinioni profondamente radicate sul controllo delle armi non sono cambiate in risposta a eventi come la tragedia di Uvalde.

“Perché continuiamo a lasciare che ciò accada?” chiese il presidente Biden. “Perché siamo disposti a convivere con questa carneficina?”

Ma non vi è alcun segno che i Democratici si avvicineranno ulteriormente all’approvazione di una legislazione più severa sul controllo delle armi. Alcuni repubblicani li stanno già accusando di aver usato questa ultima sparatoria scolastica per promuovere cinicamente i propri obiettivi politici

La Robb Elementary School si unirà all’appello delle sparatorie scolastiche insieme a Sandy Hook e alla sparatoria di Parkland. L’uccisione di scolari innocenti ha riacceso il dibattito sulle armi in America, ma non lo ha avvicinato a una risoluzione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]