Sostenibilità: il Premio Speciale Aretè a Giovanni Lombardi, Presidente di Tecno, al Salone della CSR e dell’innovazione sociale all’Università Bocconi di Milano

Condividi
Nuovo riconoscimento per il Gruppo Tecno ed il suo Presidente Lombardi: il premio speciale Areté Cultura Banca Generali, consegnato all’imprenditore napoletano nel corso della sua 17ma edizione al Salone della CSR e dell’Innovazione Sociale all’Università Bocconi a Milano  

 Nuovo riconoscimento per il Gruppo Tecno ed il suo fondatore Giovanni Lombardi: il premio speciale Areté Cultura Banca Generali, è stato consegnato ieri a Milano all’Università Bocconi al Salone della CSR e dell’Innovazione Sociale .

Tecno (https://www.tecnosrl.it/), realtà leader nei progetti di sostenibilità per le aziende,  grazie alle sua azioni di responsabilità sociale e mecenatismo è protagonista nei processi di valorizzazione del patrimonio artistico e culturale italiano: dai restauri al Museo e Real Bosco di Capodimonte al Progetto Rivelazioni di Borsa Italiana, dalle Catacombe di San Gennaro al Festival di Musica di Palazzo San Teodoro, al Teatro San Carlo.

NARDONE
L’evento in Bocconi del Premio Areté ha visto protagonisti soggetti d’impresa pubblica e privata, culturale e mediatica che si sono distinti nel 2021. La giuria è presieduta da Luciano Floridi, Direttore Ethic Lab Oxford University, Alma Mater Research Institute for Human Centered Artificial Intelligence Bologna. Mediapartner  BFC Forbes e Gruppo24Ore, Askanews e Formiche.
Il premio, fa riferimento ad un’azione incessante di recupero e sostegno del patrimonio culturale italiano che Tecno ha promosso attraverso mostre a Capodimonte come quella dedicata a Picasso e Caravaggio, e sostenuto il progetto Rivelazioni di Borsa italiana che ha permesso il restauro di opere fra cui quella di Tiziano, che ha accolto le delegazioni per il primo incontro dei ministri della cultura del G20 a luglio a Roma, sostenuto progetti per le Catacombe di San Gennaro e per il Teatro San Carlo.
«Il ruolo delle imprese, così come quello della finanza —ha dichiarato Alessandro Mauri di Banca Generali — è fondamentale nei processi di valorizzazione dell’immenso patrimonio culturale italiano. Non a caso Banca Generali è impegnata in prima linea e in molte iniziative sul territorio. Per questo abbiamo voluto istituire il Premio Speciale Areté all’Arte e alla Cultura. Abbiamo vagliato e condiviso la segnalazione del comitato scientifico per l’azienda Tecno di Giovanni Lombardi e apprezzato la concretezza e la costanza a sostegno delle attività artistiche e storiche espressione della grande città di Napoli».

«Abbiamo messo in campo un’articolata strategia per creare un circolo virtuoso di mecenatismo che fa bene all’arte e alle stesse aziende — dichiara Giovanni Lombardi. Lo abbiamo fatto attraverso attività diverse come l’adozione e il restauro di alcune importanti opere grazie al costante supporto di imprese di rilievo. Napoli ha tanto da dire sul fronte della tutela del patrimonio e sa come farlo, ritrovarci in una cornice che ben rappresenta i valori della nostra azienda è davvero rilevante. Da sempre riteniamo che un percorso di sostenibilità fa crescere l’impresa. E azioni e percorsi virtuosi e possono fare del bene al business, all’ambiente, all’arte».

“Tecno- dichiara – il Direttore del Museo e Real Bosco di Capodimonte Sylvain Bellanger-  ci è stata vicina nel restauro dell’importante dipinto di Pier Luigi Farnese di Tiziano con il Progetto Rivelazioni di Borsa Italiana che Giovanni ha portato a Capodimonte, ma anche nell’allestimento di mostre per noi significative come “Napoli Napoli. Di lava, porcellana e musica” o “Raffaello a Capodimonte: l’officina dell’artista”, per citarne solo alcune. La generosità di Giovanni Lombardi è contagiosa e ha fatto da esempio per altri imprenditori napoletani che si sono avvicinati a Capodimonte e hanno sostenuto i nostri progetti e continuano a farlo, come di recente è avvenuto con l’acquisto della Coppaflora, unica opera di Gemito in argento presente nella collezione di Capodimonte dedicata all’artista”.

L’azienda, fondata nel 1999 da Lombardi, conta oltre 3500 imprese clienti in tutti i settori produttivi e ha in suo quartier generale a Napoli e sedi in Italia a Bologna e Milano e all’estero (Berlino e Parigi ed Istanbul).
Dal 2017 è in Elite, il programma internazionale nato in Borsa Italiana nel 2012 in collaborazione con Confindustria e dedicato alle aziende più ambiziose, con un modello di business solido e una chiara strategia di crescita. Dal 2020 il gruppo Tecno fa parte del Global Compact delle Nazioni Unite con l’impegno a rispettarne i 10 principi e a comunicare le azioni individuate per perseguirli. Ha vinto per la quarta volta il Premio Deloitte Best Managed Companies nel 2021, rientrando nella categoria gold.
Durante l’evento in Bocconi vi è stata la consegna dei Premi e la nomina dei Maestri della Responsabilità 2021 da parte di Enzo Argante Presidente di Areté, dal filosofo Luciano Floridi Presidente della Giuria, dal direttore di Forbes Alessandro Rossi, presidente della giuria della stampa.
Aretè è diventato il luogo della comunicazione responsabile, dal Premio Aretè nasce un progetto di informazione: www.dearete.org che propone un viaggio nella comunicazione al tempo del digitale. Sotto l’egida del professor Luciano Floridi da Oxford e la partecipazione degli studenti universitari del programma  Siamo Jedi, in onda su BFC Forbes e in streaming su www.ilsole24ore.com.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]