Sorridi Music canta Disney: prosegue senza sosta la raccolta benefica

Condividi

È uscito a settembre su tutti gli store digitali “Sorridi Music canta Disney”, e prosegue senza sosta la corsa alla beneficenza: acquistare la compilation, 13 canzoni di cartoni Disney reinterpretate dagli artisti della nota etichetta discografica, significa anche donare alle associazioni che si occupano di bambini.

Poco più di un mese a Natale e la corsa ai regali va di pari passo con la corsa alla beneficenza: almeno questo per quanto riguarda Sorridi Music che in un anno così particolare ha deciso di farsi (e fare) un regalo speciale.
A settembre è stato infatti lanciato Sorridi Music Canta Disney la compilation firmata artisti Sorrisi che contiene 13 successi dei più noti cartoni Disney.
Ma accanto alla melodia dell’album ecco la causa nobile: parte del ricavato verrà devoluta in beneficenza a tre associazioni che si occupano di bambini e che hanno voluto accogliere a braccia aperte questo. Cifa Onlus, Save the Children e Trenta Ore per la Vita Onlus hanno detto sì, non senza un filo di emozione.
Ecco che allora Dal “Re Leone” ad “Aladdin”, da “Pocaonthas”, alla “Sirenetta” voce e cuore degli artisti si sono unite per provare ad accendere nuovi sorrisi.
Il prezzo dell’album è di € 12,99 ed è possibile acquistarlo su Amazon Music, Apple Music, Spotify e su tutti gli store digitali.
“Il nostro progetto prosegue e con il Natale che si avvicina ci piacerebbe che tanti scegliessero la via della beneficenza – ha affermato Jo Conti direttore artistico di Sorridi Music – noi ce l’abbiamo messa tutta nel dare vita ad un’opera che potesse da un lato divertirci dall’altro fare del bene, amiamo cantare e credo che in queste tredici canzoni si possa toccare con mano la passione e l’emozione perché Sorridi Music Canta Disney – conclude Conti – è questo e molto altro, è un sogno che diventato realtà e non mi stancherà mai di dirlo”.

NARDONE
loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]