‘Sono cose che passano’ il nuovo romanzo di Pietrangelo Buttafuoco. Intervista con l’autore

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Per la mia rubrica IL Personaggio sono lieta di ospitare Pietrangelo Buttafuoco, giornalista e scrittore, che ci parlerà del suo nuovo libro.

Sono cose che passano esprime, con saggezza, l’amore per la tua terra, la Sicilia.
“Un libro che si sfoglia come uno spettacolo a teatro; un romanzo come un film dove ci si vede dentro ogni scena. Ed è una storia d’amore in una epoca dove tutto è libertà. Sono cose che passano con una commedia, ed è dunque la divertentissima tragedia di un barone baro, Rodolfo Polizzi, e di una principessa vera, la meravigliosa Ottavia di Bauci. E’ un libro che ho costruito, prendendo a pretesto quel villaggio, in questo caso quel villaggio è la Sicilia, che poi si dipana attraverso i mille reticoli della storia che la portano a Roma, a Genova, a New York. Va nel mondo perché, comunque, tutti i personaggi partecipano in quel reticolo universale dove nel palcoscenico e in quel teatro arrivano pezzi del mondo.”

Personaggi vari, nobili e finti nobili, un maresciallo, una giovane donna che fa il suo ingresso in società, un aspirante parlamentare. Cosa cambia o cosa è simile ad oggi?
“Cambia innanzitutto la dimensione esistenziale. Quella è un’epoca in cui non c’era angolo che si sentisse periferia, che si sentisse dimenticato rispetto alla centralità delle cose. Oggi è tutto più frammentario. Quelle descritte negli anni Cinquanta sono esistenze appagate nella propria contemporaneità, era come una grande tabula rasa dove poter costruire un destino e la vita stessa. Oggi, invece, difetta questa capacità di sentirsi partecipi. Viviamo nell’apnea di un’unica lugubre e triste periferia dove non accade niente.”

Leggendo il tuo libro, si evince una intelligente ironia di racconto. Era una Sicilia diversa?
“E’ una Sicilia molto più viva e più ricca di quanto possa essere quella di oggi.”

Tutto passa, amori, vizi, follie…
Andiamo ad oggi. Passerà la pandemia e tutto ciò che da essa è scaturito?
“Temo che, purtroppo, molto di questa stagione resterà e resterà a lungo. Mi ha colpito che in questi due anni, in questo continuo di pandemia, perfino l’eros non è riuscito a trovare esito. Non c’è stato nessun istinto, abbiamo continuato così…Per paura di morire abbiamo smesso di vivere.”

Sono cose che passano trasmette al lettore colori e profumi non troppo remoti, ricchi di fascino e “sapienza”. Quella sapienza che, oggi, viene sostituita con la banalità.
Pietrangelo Buttafuoco, con maestria di racconto, affronta gli argomenti senza stancare il lettore, rendendo i personaggi vivi, dando loro un’identità visiva, addirittura affettiva.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.