Somma Vesuviana, polemiche nel Pd dopo la candidatura a sindaco di Bianco

Condividi

Somma Vesuviana, 28  aprile 2017 –  “Da sempre contro i ‘padroni‘ della politica”, dice il consigliere uscente del Pd Crescenzo De Falco, nonché ex presidente della commissione Trasparenza,  dopo l’annuncio del segretario del Pd Giuseppe Auriemma, al sostegno del candidato sindaco Giuseppe Bianco, che a sua volta ha voluto sottolineare: “ho accettato di candidarmi a Sindaco della città come esponente della Società Civile, e che ha trovato nel PD, al momento, il primo sostegno”. “Per una questione di chiarezza e trasparenza –  dice Crescenzo De Falco –  faccio alcune precisazioni sulla scelta del Partito Democratico di cui sono parte. Il Pd a Somma, ha sempre ricercato elementi per una governabilità del paese senza compromessi e senza ricatti, tant’è vero che negli ultimi 20 anni il Pd non è arrivato neanche al ballottaggio. Oggi possiamo dire che il Pd locale ha cambiato totalmente la sua linea politica – sostiene De Falco –  tant’è che il segretario, ed ex candidato a sindaco, Peppe Auriemma  (candidato 2014 ndr) ha aperto un cantiere e un tavolo di concertazione con tutte quelle forze politiche che in quel momento erano disponibili, e cioè l’ex candidato sindaco di Fi, gli ex candidati di Fratelli D’Italia, ed elementi che hanno fatto parte attivamente della consiliatura Piccolo, e addirittura con personaggi che in passato venivano  ‘bollati’ dallo stesso Pd, come persone impresentabili. Se ora l’aspirazione del Pd è cambiata, e adesso si vuole vincere a tutti i costi non per governare, ma giusto per avere uno scranno o entrare nella stanza dei bottoni, questo non può essere condivisibile da parte mia, che porto avanti la mia linea politica di governabilità e concretezza, che punta a capacità amministrative, per far sì che i processi possano essere iniziati e terminati, per il benessere dei cittadini, e quindi del paese”. Nascono così, polemiche nel cuore del Pd, dopo la scelta di sostenere la candidatura di Giuseppe Bianco. A muoverle il consigliere uscente Crescenzo De Falco, che si lascia andare puntando il dito verso i metodi di ‘scelta’ del partito che ha rappresentato nel consiglio comunale. Una critica che De Falco fa anche sul web attraverso un video rivolto ai cittadini di Somma. Animi tesi in città, come sempre con l’avvicendarsi della campagna elettorale, in visione dell’election day previsto per il prossimo 11 giugno.

NARDONE

La denuncia di De Falco: “Quanto dico è una condanna ai metodi usati dalla segreteria locale – dice l’ex consigliere – per l’individuazione di un candidato sindaco, fatto senza il rispetto delle regole che il Partito democratico si è dato, e cioè attraverso le primarie, a meno che non ci sia un voto dei tre quinti dei aventi diritto dell’assemblea e con voto palese nei confronti di una persona, ma questo non c’è stato.  Non voglio essere polemico, ma credo che Somma sia stanca di vedere candidati sindaco, autoproporsi, e essere proposti, ma non essere avvallati dagli indici di democrazia che il Partito si è posto, e cioè le primarie, così come è stato fatto in precedenza, momento in cui anch’io ho partecipato. Oggi invece vediamo un sindaco individuato da stanze, che non sono quelle della sede del partito, e viene proposto subdolamente come candidato sindaco del Pd, mentre lo stesso si dichiara sindaco civico. E’ noto che per esserlo dovrebbe avere una lista propria, proporsi nel paese, dopo di ché, in base alle sue caratteristiche e programma, può essere anche sponsorizzato da un partito politico, ma non esiste che un partito, a prescindere, possa rinunciare a avere un candidato di partito, dove ci sono persone che fanno politica da sempre e dove mancano criteri e un identikit  di questo candidato,  che poteva essere trovato all’interno della sezione, invece qualcuno ha pensato di calarlo dall’alto. Questo candidato sindaco non è del Pd. Credo serva veramente un in bocca al lupo, perché non so come si possa governare con ex alleati di Piccolo, con ex militati di centro destra “.

loading...

Maria Beneduce

Maria Beneduce