Somma Vesuviana – Di Sarno ‘disegna’ la giunta della svolta

Condividi

Somma Vesuviana, 29 giugno 2017 –  Il neo sindaco ‘disegna’ la sua giunta, quella “della Svolta per Somma Vesuviana”, dice sorridendo. Un profilo alto, con persone capaci, attente, oneste e che sappiano attuare il progetto ‘scolpito’ dal neo sindaco Salvatore Di Sarno, in questi anni di attivismo politico, e programmato in queste amministrative che lo hanno portato nella sala dei bottoni di “Palazzo Torino” sede del Municipio. Ha le idei chiare Di Sarno, che attende la sua proclamazione, dicendo: “Non vedo l’ora di poter dare inizio al mio mandato, anche se in realtà il lavoro è già cominciato”. In queste ore il lavoro di sintesi e attuazione per girare la chiave dell’accensione della macchina di governo, che partirà non appena sarà ufficiale la proclamazione del sindaco e degli eletti al consiglio comunale, è già stato avviato, nonostante siano passati pochi giorni dallo scrutinio delle urne. “Lavorare immediatamente per la sicurezza scolastica e quella legata alla viabilità è priorità legata alla necessità di garantire sicurezza”, dice il sindaco. “Da settembre voglio che le scuole partano sapendo di avere i certificati di staticità degli stabili, nel caso non mostreremo remore a chiudere un istituto”. Una giunta composta da tecnici esperti e capaci, è quello che cerca il neo sindaco, che afferma: “anche tra i consiglieri della mia maggioranza sono presenti personalità di competenza che potrebbero essere individuati, ma al momento non esiste una rosa di nomi neanche delle ipotesi, considerato che ci accingiamo in queste ore ad avviare i dialoghi, poi le mie valutazioni. Quella del mio governo potrebbe essere una giunta che non accolga solo sommesi, o persone della mia coalizione. E’ stato chiaro fin dalle mie prime battute in campagna elettorale che io voglio persone che sappiano portare finanziamenti, attuarli e spendersi affinché questa città torni a spendere, quindi chi è capace è ben accolto. Tutte le possibili deleghe sono importanti ma l’ho detto da sempre ‘sono il sindaco degli ultimi e di tutti’ e le Politiche sociali le ho nel cuore”. Un sindaco che vuole al più presto lavorare per la sua città, e che sin dalle prima battute si è detto “il sindaco di tutti”, e che nonostante siamo molto legato a chi lo ha sostenuto in questo percorso dice: “nel caso dovessi notare anelli deboli nella catena di governo, non mi farò scrupoli di aprire un nuovo confronto, ma d’altronde l’ho sempre detto, ho le mani libere, se cosi non fosse non starei perseguendo il mio ideale, e chi è entrato in questo ‘sogno’ sa che per realizzarlo dobbiamo essere tonici e veloci. Abbiamo il compito di fare di Somma una città normale, e a misura d’uomo. Tutti quelli che sono parte del governo devono avere i miei stessi obiettivi, voglio una giunta che metta al primo posto i miei stessi valori: Onesta e legalità”.

NARDONE
loading...

Maria Beneduce

Maria Beneduce