Somma Vesuviana – Ancora incendi nella periferia cittadina

Condividi

Somma Vesuviana, 4 luglio 2017 –  Un luglio incandescente e tanti i roghi che in queste ultime settimane hanno messo a dura prova il Nucleo di Protezione civile di Somma Vesuviana “Cobra2”. Questa volta è stata la periferia della città vesuviana ad essere, per l’ennesima volta, minata da lingue di fuoco, pericolose per i tanti frutteti presenti. Ieri, verso l’ora di pranzo, su via Ammendola è scoppiato l’ennesimo incendio di sterpaglia. Ad intervenire immediatamente i  volontari di protezione civile, allertati come di consueto dai vigili urbani del comando di Polizia Municipale di Somma Vesuviana. Qualche ora per provvedere allo spegnimento delle fiamme che hanno mangiato tanta sterpaglia, minando anche gli alberi da frutto poco distanti, salvi grazie all’intervento dei volontari. Un incendio molto vasto, per il quale è servito un notevole impegno da parte dei ragazzi della Protezione civile, che si sono prodigati per spegnere le fiamme e bonificare l’area, provvedendo ad assicurarsi che neppure il più piccolo tronchetto fumante potesse più produrre una fiammella mettendo a repentaglio tanti campi da frutta. Una chiamata per un secondo intervento, ma per dimensioni più discrete, ha portato i volontari in Via Malatesta, dove per l’ennesima volta  e stata le sterpaglia a prendere fuoco. La giornata ha viso poi un terzo incendio in via Rosanea, territorio ai confini tra la città di Somma Vesuviana e la vicina cittadina di Sant’Anastasia, dove è stata ancora la sterpaglia ad andare in fiamme, e dove per l’ennesima volta si è evitato il peggio grazie alla velocità d’intervento dei ragazzi della “Cobra2”, che con il loro Land Rover, dotato di un serbatoio di 600 litri d’acqua, hanno evitato che si creassero notevoli disagi sul territorio.

NARDONE
loading...

Maria Beneduce

Maria Beneduce