Solidarietà ai giornalisti di Fanpage

Condividi

Il dipartimento editoria della Filp Cisal esprime piena solidarietà ai giornalisti e a tutti i membri della redazione di Fanpage.it, vittime di un pericoloso attacco da parte di membri di spicco del clan Cimmino. Nell’ordinanza di custodia cautelare che ha svelato un intreccio criminale tra amministrazione pubblica, forze dell’ordine e criminalità organizzata nella gestione dei fanghi di depurazione in Campania, si leggono minacce durissime ai giornalisti della testata. 

NARDONE
Testata che si è distinta per un puntuale lavoro d’inchiesta la cui risonanza nazionale e internazionale ha fatto saltare affari importanti per la camorra. Di questo i criminali intercettati ne danno conto proferendo parole di minaccia chiare e inequivocabili nei confronti degli autori dell’inchiesta.
“Le parole intercettate di Basile e Caruson farebbero tremare i polsi a qualsiasi cronista. Chiediamo l’immediato intervento del prefetto per garantire l’incolumità dei giornalisti di Fanpage. Si rileva inoltre una preoccupante circostanza: le intercettazioni risalgono a quasi tre anni fa e in questo periodo la redazione non ha goduto di nessuna tutela pur essendo i fatti noti agli investigatori. La speranza è che, con l’emissione delle ordinanze e la conclusione delle indagini, vengano presi i provvedimenti necessari per i colleghi” dichiara Vincenzo Sbrizzi, responsabile regionale del dipartimento Editoria della Filp-Cisal.
loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]