Silvio Berlusconi e il reddito di cittadinanza. Cosa sta succedendo a Destra?

Condividi
anna tortora
Anna Tortora

Fanno scalpore le ultime affermazioni di Silvio Berlusconi sul reddito di cittadinanza, un uomo di destra liberale che sostiene il reddito.
“Sì, al reddito. Aiuta i poveri”
Silvio Berlusconi

NARDONE

Anni di liberalismo buttati al vento. Fino a ieri, Tajani e quasi tutti i forzisti volevano eliminare il reddito di cittadinanza  e lui, per il Quirinale, spara questa cavolata.
Questo è uno dei motivi per cui, qui in Italia, non ci sarà mai una vera Destra. E, soprattutto, lui, proprio lui dovrebbe prendere le distanze da quel partito (i 5 stelle) che lo ha sempre trattato come un ladro qualsiasi. E furono proprio i grillini a volere la sua decadenza.
“Nel 2013, a Brescia, in Piazza Duomo, i teppisti dei centri sociali, di Sel e del Movimento Cinquestelle impedirono, con la violenza, il regolare svolgimento del comizio di Berlusconi, insultarono, pesantemente, i presenti e aggredirono un militante di Forza Italia.
Il giorno dopo, nessun esponente di rilievo della politica condannò le violenze. Il presidente della Camera Boldrini, muta. Beppe Grillo, anzi, disse che a Brescia era “sfilata la meglio gioventù contro la vecchiezza della Repubblica”.  Epifani della Cgil aggiunse che Berlusconi accendeva micce e Vito Crimi del M5S disse che Berlusconi era un “eversore”.
Le violenze alle manifestazioni, cari signori, vanno condannate sempre. Non solo quando fa comodo a noi.”
Gerardo Verolino, giornalista

E i grillini continuano ad offenderlo. “Pure le pulci hanno la tosse” recita un vecchio detto, ma il cavaliere, stavolta, se lo merita.
“Vai a letto presto, sereno e senza pensieri. Ti svegli e ti ritrovi Silvio Berlusconi che difende e sponsorizza il reddito di cittadinanza. Silviuccio, scordatelo il Quirinale.”
Luigi Sunseri, 5 stelle

“Ora Berlusconi sostiene che il reddito di cittadinanza sia stata una scelta giusta per aiutare chi è in difficoltà. Implicitamente apprezzando questa misura, apprezza chi si è battuto per la sua approvazione contro tutto e tutti.
Io ricordo che ad aprile del 2018 definiva noi M5S buoni solo “per pulire i cessi” nella sua azienda.
Con l’elezione del Presidente della Repubblica che si approssima, ci sentiremo dire dall’ex senatore di Arcore che anche i comunisti hanno degli aspetti positivi, i magistrati sono dei galantuomini, le tasse si devono pagare e il pizzo alla mafia non va pagato.”
Nicola Morra, 5 stelle

Meglio riderci su…
“Berlusconi ha deciso di diventare il candidato giallo-rosso alla presidenza della Repubblica.”
Guido Crosetto

Caro Berlusconi, torni in sé e lasci perdere i grillini.
La Destra deve fare la Destra, per le urla volgari e l’assistenzialismo statalista ci sono i grillini e la sinistra.

Anna Tortora

Nata a Nola. Si è laureata alla Pontificia facoltà teologica dell'Italia meridionale. Le sue passioni sono la politica, la buona tavola, il mare e la moda. Ha militato per diversi anni in Azione Giovani e poi in Alleanza Nazionale. Accanita lettrice, fervente cattolica e tifosa del Milan.