Silenzio sulla riapertura della Scuola di Ballo del Teatro San Carlo, genitori ed allievi chiedono spiegazioni con lettere e petizioni

Condividi

Napoli, 12 set. – Scuole e Accademie pronte a riaprire, tutte eccetto quella del Teatro San Carlo di Napoli, faro nazionale di arte e danza, oltre che scuola più antica in Europa. In virtù della sua lunga storia e dei risultati finora conseguiti, c’è immenso rammarico per la mancata riapertura dopo il lockdown.

NARDONE

Lo sottolineano genitori ed allievi della scuola, che pur avendo chiesto di persona, spiegazioni alla Fondazione del Teatro, ed avendo inviato perfino una lettera alla Regione Campania, ad oggi non hanno ricevuto alcuna risposta, con annesse e valide motivazioni riguardo il regolare ripristino delle attività.

Per sensibilizzare l’opinione comune sulla vicenda, è stato creato anche un gruppo mirato su Facebook: ‘Allievi Teatro San Carlo’. Sulla home page sono giunte tantissime sollecitazioni per la riapertura, che sfortunatamente ancora non trovano accoglienza.

Un paradosso, se si pensa che in Campania tutte le attività didattiche riapriranno il 24 settembre, mentre i 180 allievi, tra cui molti fuori sede, attendono di ricominciare a ballare; con loro sono in stand by anche i 15 docenti della Scuola di ballo e il direttore Stephane Fournial, che sperano dopo il Covid, di riprendere le attività.

Le famiglie degli allievi avevano già versato una retta, poi congelata causa pandemia, per garantire corsi e lezioni ai ragazzi dagli 8 ai 18 anni, regolarmente iscritti alla Scuola di ballo del San Carlo. Alcuni ragazzi fuori sede, arriveranno a Napoli per ricominciare la scuola e desidererebbero anche ritornare a ballare.

Pur essendo state diramate a livello nazionale le normative precauzionali anti Covid, approvate anche dal Coni, affinché la didattica sia ripristinata ad ogni livello, la Fondazione del Teatro San Carlo sta bloccando il desiderio dei suoi allievi di tornare alla normalità delle loro passioni, dopo la chiusura forzata nazionale, che li ha provati non poco.

Se l’Accademia del Teatro La Scala di Milano, così come tante altre strutture, hanno ridato il via alle lezioni di danza, come mai la Scuola del Teatro San Carlo non è pronta a riaprire i battenti? I giovani futuri danzatori hanno voglia di tornare alla sbarra e al loro mondo, perché la disciplina della danza fa parte della loro arte, cui non è giusto tarpare le ali.

 

loading...

Pina Stendardo

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.