Sicurezza urbana, il punto a Napoli sui progetti in corso nella VII municipalità

Condividi

Tra le priorità, più coinvolgimento degli attori pubblici e privati e interventi sulla raccolta rifiuti e per la sicurezza stradale

Il prefetto di Napoli Marco Valentini ha presieduto ieri in prefettura il tavolo di osservazione sulla sicurezza urbana della VII municipalità del capoluogo, per un aggiornamento sulle misure in atto e su quelle da intraprendere nel prossimo periodo con gli attori istituzionali interessati.

Alla riunione erano presenti l’assessore alla sicurezza urbana, il presidente della municipalità, i responsabili locali di uffici e comandi delle Forze dell’ordine e della Polizia Municipale, il rappresentante della direzione scolastica regionale, del decanato e delle associazioni sportive, dei commercianti e dei cittadini.

Il prefetto ha richiamato l’attenzione sulla necessità di un progressivo coinvolgimento tra tutti gli interlocutori del pubblico e del privato sociali presenti sul territorio per realizzare specifici progetti volti a migliorare la vivibilità della zona.

A sua volta, il presidente della municipalità ha riferito di alcuni lavori di riqualificazione in corso e della continua attività di confronto, attraverso tavoli dedicati, con le associazioni di cittadini e commercianti attive nell’ambito territoriale di riferimento attraverso.

Anche l’assessore alla sicurezza urbana ha comunicato alcune novità, tra le quali l’avvio della raccolta rifiuti con modalità “porta a porta” nel quartiere di Secondigliano per aumentare la percentuale di raccolta differenziata, l’elaborazione di un progetto per la riqualificazione del verde pubblico e la pianificazione di interventi per la sicurezza stradale.

Un’iniziativa, infine, condivisa dalle parti, è quella di organizzare “passeggiate antiracket ed antiusura” per sensibilizzare le categorie produttive e i residenti sull’importanza di contrastare tali fenomeni attraverso la denuncia alle Forze dell’ordine.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]