Sesso, alimentazione, web. Come lo stile di vita influisce sulla salute dei malati cronici. Il modello sclerosi multipla

Condividi
giovane scienziatoGli studi clinici indicano che le abitudini possono influenzare positivamente o negativamente la storia clinica dei malati cronici. Alimentazione, attività fisica e sessuale, interazioni sociali sono “terapie” che aiutano i pazienti ad avere una migliore qualità di vita e affrontare meglio la loro malattia. La sclerosi multipla è un caso esemplare di questo fenomeno: i pazienti sono giovani e grazie alle terapia riescono a rallentare la progressione della malattia, ma se non sono messi in grado di vivere una vita piena non riescono a trarne tutti i benefici. Un problema sociale che i neurologi hanno deciso di affrontare durante il corso “Lifestyle & SM”. I dettagli del corso saranno illustrati in una conferenza stampa che si terrà lunedì 10 dicembre alle ore 12 presso l’hotel Santa Lucia a Napoli (Via Partenope, 46)  
Interverranno
Gioacchino Tedeschi | direttore Clinica Neurologica e Neurofisiopatologia A.O.U. – Università della Campania “Luigi Vanvitelli” di Napoli, Presidente eletto della Società Italiana di Neurologia
Luigi Lavorgna | Neurologo – azienda ospedaliera universitaria “Luigi Vanvitelli” di Napoli
Giorgia Maniscalco| Neurologa, Centro Sclerosi Multipla, Ospedale Cardarelli, Napoli
Moderatore:
Luciano Onder,  giornalista

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]