Scusi, lei è gastrosofico?

Condividi

Napoli, 7 mag. – Parte a Napoli il primo evento di Pedagogia Alimentare organizzato dai due pedagogisti napoletani, Sonia Sellitto e Franco Biancard. “Scusi, lei è gastrosofico?”, questo il titolo dell’incontro che avrà come tema la gastrosofia, una sorta di filosofia del mangiare, una disciplina che collega l’arte culinaria al piacere per il buon cibo ed il bere.
Il gastrosofico ha una visione molto particolare dell’alimentazione , vista come una ricerca del piacere psicofisico in una prospettiva individuale , sociale, ma anche antropologica.
Una ricerca che si collega anche all’erotismo, alla musica.

NARDONE

L’evento, che si terrà, giovedì 18 maggio alle ore 19:00 al Club Art Epochè di Matilde Cesaro e Pierfilippo Agosti, vuol essere un viaggio culturale, con riflessioni e “digressioni”, attraverso varie epoche e in diversi contesti socio culturali. L’idea di fondo è che la Gastrosofia si può considerare un approccio olistico al mondo del food in quanto abbraccia quegli aspetti sociali, culturali, antropologici e, appunto , filosofici che pure sono connessi e annessi al cibo e all’alimentazione, ma a cui non si presta attenzione.
Oggi si parla tanto di food influencer come a guru del cibo o, anche, diffusamente, di food porn, termine che descrive l’ossessione per il cibo, che si mangia con gli occhi, prima, con la bocca , poi.
Questo e tanti altri gli argomenti che verrano toccati e, per rimanere in tema, “assaporati”, durante il viaggio-evento “Scusi, lei è gastrosofico.?’, delizioso Itinerario in cui ci porteranno Franco e Sonia, nella frizzante atmosfera dell’Epochè.

Epoché club art Napoli
via Confalone 39c

info: Evento Facebook

[message_box title=” type=”error” close=”yes|no”]Franco Biancardi pedagogista, Università degli studi di Napoli Suor Orsola Benincasa.
Sonia Sellitto pedagogista, progettista formatore.[/message_box]

 

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]