“Scusate il disturbo”: la salute ai tempi del Covid

Condividi

Inizia il 14 maggio la serie di incontri a tema “Scusate il disturbo”: dalle malattie terminali e il relativo delicato tema del fine vita, ai disturbi del comportamento, passando per le malattie rare, tutti ugualmente importanti così come tutti importanti devono essere tutti i pazienti. Eppure abbiamo appena passato due anni in cui un maledetto virus ha monopolizzato anche la priorità della salute.

Scusate il disturbo” è l’evento culturale che dà voce a tutte le persone che dal provare un disturbo si sono sentite “il” disturbo, in tempo di Covid.

Organizzata da Zetatielle Magazine, l’iniziativa prevede una serie di incontri e presentazioni di opere letterarie che si svolgeranno nel mese di maggio 2022, in biblioteche, librerie e istituti scolastici. Ogni incontro sarà impreziosito dall’esecuzione di brani musicali, interpretati da Annalisa Baldi, già finalista di X Factor, conduttrice televisiva e speaker radiofonica.

Scusate il disturbo” si pone proprio l’obiettivo di approfondire l’argomento. Interverranno medici, tra cui il dott. Rocco Berloco, parlando di scienza e di alimentazione, insegnanti, tra cui la prof. Patrizia Longo Vaschetti, che offriranno un focus su studenti e adolescenti, e, per gli aspetti legali, il progetto si avvale della presenza dell’avv. Luciano Zagarrigo. Ogni appuntamento vedrà anche la partecipazione di autori che presenteranno le loro opere letterarie. Ma sarà anche un momento di incontro e di confronto interagendo col pubblico, ascoltando le opinioni e le posizioni dei vari soggetti coinvolti, puntando così un riflettore sulle difficoltà incontrate in tempo di pandemia.

Non solo Covid

Con l’arrivo della pandemia il tempo si è cristallizzato e il Covid ha di fatto fermato il mondo stravolgendo, da un giorno all’altro, la nostra quotidianità, le nostre abitudini e convenzioni sociali e pochi si sono resi veramente conto di quanto abbia messo a dura prova le nostre menti.

Un’esperienza aliena ad ogni forma di socialità precedente che ha inciso profondamente sulla stabilità emotiva e sull’equilibrio psicofisico di tutti e quindi sulla percezione del concetto di vita stesso. Ma soprattutto, un’emergenza sanitaria che ha richiamato su di sé tutta l’attenzione, sacrificando purtroppo tutte le altre patologie, dalla diagnostica ai percorsi di cura.

Una penalità che ha ulteriormente aggravato le condizioni di tutti quei soggetti interessati da malattie croniche, terminali e disturbi del comportamento, in particolare i disturbi alimentari.

Con il lockdown, le restrizioni, la DAD e le emergenze sanitarie e le disposizioni a singhiozzo, queste patologie già storicamente sacrificate, sono cresciute in maniera esponenziale, allargando la tipologia di soggetti sensibili (e di conseguenza alle loro famiglie) e le fasce d’età coinvolte, che purtroppo si sono drammaticamente abbassate.

Affetti e malattia che già erano un connubio che dominava il paziente e i suoi congiunti, siano essi il partner, i genitori, gli amici, i figli e qualsiasi altra relazione affettiva, pur essendo la base stessa del supporto psicologico necessario, sono state ulteriormente messe alla prova dalle mutate condizioni sociali.

Scusate il disturbo

Il recente passato ha davvero condizionato il percorso psicologico di tutte queste persone che dal provare un disturbo si sono sentite “il” disturbo.

Il progetto “Scusate il disturbo” vuole sensibilizzare il pubblico e accentrare l’attenzione su quanti combattono ogni giorno con la loro malattia e che, in tempo di Covid, si sono sentiti un peso per la famiglia, per la collettività e per le strutture sanitarie ancor più oberate di lavoro.

Per tutti: quale presente? E soprattutto, quale futuro?

Il progetto si rivolge alle famiglie, alle figure didattiche, alle istituzioni, passando ovviamente per i singoli individui e si propone di coinvolgere e interessare anche e soprattutto i ragazzi, perché conoscere e tener conto di tutti questi aspetti nella loro complessità è di fondamentale importanza. E noi di Zetatielle, siamo certi che promuoverli attraverso la lettura sia il mezzo più efficace.

Zetatielle con la sua attività editoriale di magazine e di organizzazione eventi, ha costantemente promosso qualsiasi iniziativa di valore, evento o pubblicazione, che desse voce a queste tematiche, anche se durante il periodo di pandemia l’unica attività esercitabile fosse lo streaming. Oggi, finalmente, abbiamo nuovamente la possibilità di realizzare sul territorio incontri in presenza ed è proprio sotto questi buoni auspici che nasce il progetto ‘Scusate il disturbo’, un’iniziativa che partecipa a ‘ContemporaneaMENTE, leggere per comprendere’, il prestigioso concorso annuale de #ilmaggiodeilibri”. Dichiara il direttore di testata Lele Boccardo.

Scusate il disturbo partecipa a #ilmaggiodeilibri

La volontà di proporre un progetto nell’ambito del concorso ContemporaneaMENTE nasce proprio dalla parola stessa, contemporaneaMENTE, che sposa perfettamente il percorso e la crescita delle nostre attività personali, oltre che della nostra vita sociale e delle attività cognitive”, dichiara Tina Rossi, giornalista ed editore di Zetatielle.

La scienza ci dice che un concetto visivo viene recepito 60mila volte più velocemente di un testo scritto o parlato. M questo trionfo annunciato sta facendo perdere l’abitudine di approfondire attraverso la lettura.

Tornare alla lettura significa stimolare il cervello e la volontà di vita che l’essere umano manifesta attraverso l’immaginazione. Tornare alla lettura significa superare la passività con la quale si subiscono i contenuti preconfezionati del video“. Conclude l’editore.

Per questo sono state selezionate delle opere di autori che meglio incontrano la tematica dell’iniziativa e che saranno presentate durante gli incontri.

Rosa stacca la spina

Rosa stacca la spina” di Igor Nogarotto è frutto di una maturazione artistica che si consacra in una narrazione scorrevole ma complessa, struggente ma dai tratti ironici. Un riflesso dell’anima sensibile e profonda dell’autore.

Una storia d’amore e malattia, una storia che si confronta e si scontra con la vita e con la morte. Ma è anche una storia di rinascita e di speranza. Un caleidoscopio di emozioni che vanno dalle difficoltà quotidiane della coppia alla passione dell’erotismo, passando per la straziante solitudine di entrambi i protagonisti. Un romanzo dove il tema della malattia incontra la quotidianità e la straordinarietà, accarezzando anche il tema del fine vita.

Il cancro non è una condanna

Il dottor Rocco Berloco, medico chirurgo, mental coach ed esperto in omeopatia, è un veterano della letteratura scientifica. A lui si devono opere che, per molti versi, hanno davvero guidato le scelte di molti lettori. I suoi corsi e i suoi seminari sono sempre affollati perché la sua esperienza e le sue qualità di oratore sono davvero rare. “Il cancro non è un condanna” è un libro che sposa, supporta e accentra il focus dell’iniziativa letteraria “Scusate il disturbo”, attraverso il racconto di storie vere. Storie che sono passate dal suo studio e che con lui hanno iniziato un percorso di guarigione e di speranza.

Il cancro non è una condanna” è non solo una fonte di informazione, ma anche di rimedi, soluzioni e terapie naturali che supportano e riducono gli effetti collaterali delle cure chemio e radioterapiche.

Gli incontri

Si parte Sabato 14 maggio da Casale Monferrato (AL). Incontro al Mondadori BookStore alle 17.30. Con Tina Rossi, giornalista, l’autore Igor Nogarotto presenterà il suo libro “Rosa stacca la spina“. Non mancherà un momento musicale, a cura di Annalisa Baldi.

Giovedì 19 Maggio, presso l’Istituto superiore scolastico Majorana (ex Marro) di Moncalieri (TO), si svolgeranno due incontri. Uno alle ore 11 e uno alle ore 15. Due appuntamenti per gli studenti, ma entrambi aperti al pubblico. Con gli autori che leggeranno alcuni estratti delle loro opere, parteciperanno l’Assessore alla Cultura di Moncalieri la dott.ssa Laura Pompeo, il dott. Rocco Berloco e l’avv. Luciano Zagarrigo e alcuni insegnanti dell’Istituto

Domenica 15 maggio ad Aosta (ore 17 Libreria Briviodue), martedì 17 maggio a Torino (ore 18,30 libreria Belgravia), mercoledì 18 Maggio ad Asti (ore 17,30 libreria Kartomania), sabato 21 Maggio a Saluzzo (CN) e domenica 22 Maggio a Loano (SV) (ore 15 Mondadori Store): incontro e presentazione del libro “Rosa stacca la spina” di Igor Nogarotto. Conduce Annalisa Baldi.

“Scusate il disturbo” partirà poi per il centro Italia dove sono previste altre date a Piombino, Roma e Fondi.

Info e Credits

“Scusate il disturbo” partecipa al concorso “ContemporaneaMENTE, leggere per comprendere”, indetto da #ilmaggiodeilibri, promosso e patrocinato dal Ministero della Cultura

Il progetto è promosso e supportato da “Ali di Vita” Associazione Onlus dedita alla sensibilizzazione ed aiuto sui Disturbi del Comportamento Alimentare.

Media Partner dell’iniziativa, Samigo Press.

Patrocinio della Città di Moncalieri (TO), per l’evento in loco.

Scusate il disturbo” è un evento Zetatielle Magazine.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]