‘Scusa sono in riunione…ti posso richiamare?’, la brillante commedia degli equivoci con Vanessa Incontrada fa luce sui meccanismi perversi del reality show

Condividi

Pompei, 3 mar. – Vanessa Incontrada fa tappa al Teatro Di Costanzo Mattiello di Pompei, con la sua tournée teatrale, in compagnia di Gabriele Pignotta, autore e regista della brillante commedia degli equivoci, dal titolo ‘Scusa sono in riunione…ti posso richiamare?’.

In scena il tema dell’ossessione declinato in modi diversi, in primis come dipendenza dal lavoro e dall’uso dello smartphone; in secundis come esigenza di apparire quale non si è soprattutto nella vita privata e poi nel mondo dei reality show.

Il testo vivace, dinamicamente veloce, soprattutto nel primo atto, fornisce agli attori battute sagaci, mai sconce o ridicole. A pronunciarle insieme alla Incontrada e a Pignotta, sono Fabio Avaro, Siddhartha Prestinari e Nick Nicolosi.

Un gruppo di ex colleghi universitari, ritrovatosi di colpo a 40 anni, si riunisce in nome dell’amicizia, alla notizia della pseudo scomparsa di uno di loro. E’ qui che nel ritorno alla memoria dei loro anni giovanili, confrontandosi con le contraddizioni amorose, lavorative e i problemi quotidiani, in una casa di campagna diventano protagonisti inconsapevoli di un reality show orchestrato proprio dal presunto amico scomparso, autore televisivo, in cerca di conferme professionali con il nuovo progetto cui partecipa anche un’amica complice.

L’ironia intelligente, il perfetto equilibrio tra la bravura degli attori, legati da singolare affiatamento sul palcoscenico, sono gli ingredienti vincenti di uno spettacolo che mette a nudo non solo la fragilità umana, ma anche il perverso meccanismo dei reality show, fondati su una regia che guida alcune pedine, affinchè l’emotività esca fuori esasperata in modo da fare breccia sul pubblico. Verità e finzione si intersecano dunque tra loro in un canovaccio teatrale che punta tutto sulla risata assicurata.

Resta singolare il finale ad effetto sorpresa che nessuno in platea si aspetterebbe. Questo è l’ulteriore segnale di un lavoro teatrale ben confezionato, tanto da non deludere le aspettative dello spettatore in sala, pronto ad applaudire una straordinaria Vanessa Incontrada che si presenta al pubblico con la sua simpatia, la versatilità espressiva e la sicura preparazione artistica.

Pina Stendardo

Giornalista freelance presso diverse testate, insegue la cultura come meta a cui ambire, la scrittura come strumento di conoscenza e introspezione. Si occupa di volontariato. Estroversa e sognatrice, crede negli ideali che danno forma al sociale.