Scarcerato 48 enne Boscotrecase : “Coltivavo per non arricchire la camorra”

Condividi

La notizia dell’ arresto del 48 enne G. S. di Boscotrecase ha avuto evoluzioni diverse da come narrato dalla cattiva informazione giustizialista che oltre a riportare il nome per esteso ha anche diffuso notizie false sulla quantita’ sequestrata. Riprendiamo la notizia avvalendoci degli atti ufficiali .

NARDONE

Il giudice per le indagini preliminari dr.ssa Criscuolo ha immediatamente ordinato la scarcerazione di G.S. in data 6 ottobre 2021 . Pur sussistendo il fumus del delitto e i gravi indizi di colpevolezza emersi dall’ attivita’ di ricerca della prova condotta dai Carabinieri di Torre Annunziata il 2 ottobre 2021 , su segnalazione di fonte confidenziale, le accuse della conduzione di un’ attivita’ di vendita in proprio non hanno trovato riscontro .

Il ritrovamento delle sostanze coltivate sussistevano  “anche per non arricchire la camorra e non per cederle a terzi” come ha dichiarato l’ imputato nella quantita’ di non oltre i 4 kili ( e non 40 come riportavano i quotidiani ) e di qualche pianta di canapa non estirpate non e’ stata sufficiente per il giudice dr.ssa Criscuolo a dimostrare il quadro probatorio .

L ‘ avv. Antonio Iorio, difensore di fiducia del Signorelli nella sua brillante memoria difensiva ha evidenziato la mancanza dell’ indice di un’ attivita’ di spaccio poiche’  la sostanza non era suddivisa in dosi , mancavano strumenti per il confezionamento e non sussistevano banconote di piccolo taglio, inoltre la sostanza rinvenuta non appariva di peso particolarmente rilevante valutata rispetto al numero di dosi astrattamente ricavabili .

Invitiamo gli organi di informazione ad unirsi alla battaglia di legalita’ per sconfiggere le mafie sottoscrivendo la richiesta del referendum sulla cannabis https://referendumcannabis.it/

loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]