Attualità

Scambio di Auguri natalizi tra i Carabinieri della Legione Campania

Condividi

La scorsa domenica nella splendida cornice dello storico Teatro Bellini in Napoli con una veste particolare, si è tenuto il tradizionale scambio di auguri natalizi  tra i carabinieri della Legione Campania.

Evento, fortemente voluto dal Comandante delle Legione CC Campania, Gen. D. Maurizio STEFANIZZI, e alla presenza dei vertici dell’Arma Campana, tra cui il Gen.B. TOMASONE, a capo del Comando Interregionale con la partecipazione di tanti Carabinieri. La rappresentazione è stata  realizzata da carabinieri artisti, provenienti da ogni parte delle Campania, dando vita ad uno spettacolo entusiasmante che ha tenuti ben saldi alla poltrona i quasi mille ospiti, in un crescendo di emozioni attraverso musiche, canti, recitazione di poesie e rappresentazioni del teatro classico napoletano.

Per intere settimane, i Carabinieri protagonisti dello spettacolo, hanno provato, liberi dal servizio per ore ed ore, le canzoni e gli schetch in cui si sarebbero poi esibiti. Riponendo da parte per un giorno la divisa, si sono calati nei panni di artisti per rappresentare al meglio quello che sembra essere stato un vero e proprio successo, in considerazione della calorosa partecipazione di pubblico in sala, che ha sottolineato con applausi scroscianti le varie esibizioni.

Non sono mancati momenti particolarmente solenni e significativi, come il saluto affettuoso da parte del Gen.D. STEFANIZZI, ai familiari dei Carabinieri caduti in servizio, sottolineando la vicinanza dell’Arma a tutti loro e ricordando a tutti i presenti che il sacrificio dei loro congiunti non sarà mai dimenticato e rappresenterà sempre orgoglio per l’Arma tutta e per le generazioni a venire.

Motivo di orgoglio per il territorio Nolano, la presenza tra gli artisti di due carabinieri della Stazione di Nola, il Mar.Magg. B.G. e l’App.Sc. S.F. i quali hanno eseguito un brano della canzone classica napoletana, “Malafemmena” del grande ed indimenticabile Antonio De Curtis, in arte Totò. Eseguita solo con pianoforte e voce, i due carabinieri artisti hanno incantato i presenti con una interpretazione magistrale, sottolineata dal pubblico presente con un fragoroso applauso.

Grande finale con una corale che ha trascinato tutto il teatro in un battimani ad accompagnare il brano “Mo vene natale” cantato da tutti i protagonisti, in quali in sfilata hanno salutato tutti i presenti dando appuntamento all’anno prossimo.

Ancora una volta, i nostri carabinieri hanno saputo sorprenderci facendoci scoprire un lato che non tutti conoscevamo. La loro compostezza, ma allo stesso tempo la loro umanità espressa anche attraverso l’arte, non può che farci amare ancora di più coloro che quotidianamente lavorano per garantire a noi e alle nostre famiglie, la massima sicurezza soprattutto in questo periodo di festa.

Allora siamo noi della redazione a voler formulare per primi  a tutti i carabinieri d’Italia i più sinceri ed affettuosi auguri di un Santo Natale e di un prosperoso 2020, foriero di grandiosi soddisfazioni professionali.

Viva l’Arma dei Carabinieri.


ILMONITO è orgoglioso di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. Per questo chiediamo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, fondamentale per il nostro lavoro. Sostienici con una donazione. Grazie !
 
ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]