Saviano, presentazione dell’ultimo romanzo dello Scrittore Giacomo Scotti: “All’ombra di un vulcano”

Condividi

150° anniversario costituzione Comune di Saviano. Martedì 3 settembre presentazione dell’ultimo romanzo dello Scrittore Giacomo Scotti: “all’ombra di un vulcano – storie dalla grande guerra al secondo conflitto mondiale di cafoni ed altri poveri Cristi” .

NARDONE

Saviano, 30 set. – Nell’ambito delle manifestazione per il 150° anniversario della costituzione del Comune di Saviano con l’aggregazione di quelli di Sirico e Sant’Erasmo, si terrà martedì 3 ottobre, alle ore 18,00 nell’aula consiliare del Comune, la presentazione dell’ultimo libro dello scrittore Giacomo Scotti dal titolo “all’ombra di un vulcano”.  Un romanzo-cronaca quello di Scotti spinto dall’amore per la terra natale e per la sua storia.

Il romanzo si dipana fra Saviano e l’agro nolano dalla Grande Guerra ’15-18 al secondo conflitto mondiale ed agli anni del primo dopoguerra, condito da vicende familiari e della gente di questa terra all’ombra del Vesuvio, nella quale vivono e sgobbano in prevalenza  “cafoni ed altri poveri Cristi”.

Andato lontano da questa terra da ragazzo, Scotti torna ad essa calamitato dallo spirito di appartenenza nonostante la lontananza. Il grande scrittore triestino Paolo Rumiz, autore della prefazione all’opera di Scotti, ha scritto: “C’e’ qualcosa di unico in un figlio del Tirreno, ( Scotti) che diventa uno dei piu’ grandi narratori viventi dell’Adriatico, in un vesuviano che porta la sua napoletaneita’ in Dalmazia, per isole e nel retroterra bosniaco. Vorrei che fosse la sua terra d’origine a valutare e onorare questo figlio di due mari mari per quanto ha dato all’epopea del Mediterraneo e delle sue genti“.

Alla manifestazione interverranno il Sindaco di Saviano Carmine Sommese, il Consigliere metropolitano Francesco Iovino, il Presidente dfwella Pro-Loco il Campanile Costanza Schettino, lo storico Vincenzo Ammirati e l’autore Giacomo Scotti.

 

loading...

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]