Sant’Anastasia, le ordinanze a firma del commissario straordinario, Stefania Rodà

Condividi

Sant’Anastasia, 16 marzo 2020 –  Risale a quattro giorni fa il primo caso accertato di Codiv19, quando un cittadino anastasiano è risultato positivo al tampone e ricoverato all’ospedale Monaldi di Napoli. Ad infettare l’ultra settantenne, un parente proveniente da fuori regione.  Panico e timore nella comunità, che ha visto la maggior parte di essa dire “io resto a casa”. Per le piccole eccezioni dal Municipio le ordinanze a firma del commissario straordinario, Stefania Rodà, in ottemperanza al decreto dei Ministri. Tra le misure restrittive per contenere il diffondersi della pandemia in corso, da Palazzo “Siano”, sede del Municipio, ed a seguito delle disposizioni del presidente della regione Campania, “il divieto di frequentare parchi urbani e ville comunali”.  Chiuso al pubblico del Centro di Raccolta Comunale di via Petrarca. L’isola ecologica, come è noto, è divenuta punto di riferimento per la cittadinanza che conferisce direttamente varie tipologie di rifiuti. “In questo periodo in cui è richiesta alla popolazione di non uscire o uscire il meno possibile dalla propria abitazione – dice l’ordinanza – è opportuno evitare ogni spostamento delle persone nel territorio per contribuire ad evitare la diffusione di contagi. L’ordinanza, pertanto, chiude temporaneamente al pubblico l’isola ecologica, assicurando la raccolta differenziata.

 

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]