Sant’Anastasia: Il Partito Democratico chiede l’esonero dal pagamento di Tari e Tosap

Condividi
wpua
Maria Beneduce

Sant’Anastasia, 18 Aprile 2020 – Il Partito Democratico ha chiesto al Commissario Prefettizio l’esonero dal pagamento di Tari e Tosap per le attività costrette alla chiusura. Il segretario di partito a seguito dell’incontro avvenuto due giorni fa presso la casa comunale, tra una delegazione del partito e il commissario Prefettizio, Stefania Rodà, espone quanto dovrebbe essere attuato per le attività cittadine costrette alla chiusura per l’incidere dell’emergenza sanitaria dovuta al Covid-19. “Come già anticipato, dopo il proficuo incontro avvenuto lo scorso giovedì, con il Commissario Prefettizio, abbiamo già inviato formalmente all’Ente una richiesta perché si mettano in campo, nel più breve tempo possibile, misure di sostegno alle attività economiche costrette alla chiusura dall’emergenza Coronavirus. In particolare abbiamo chiesto che si esonerino tali attività dal pagamento della TARI e della tassa di occupazione di suolo pubblico per il periodo di chiusura forzata.” Un’azione di sostegno verso imprenditori, commercianti ed esercenti già provati anche nella propria economia, che hanno agito nel rispetto delle normative di Governo e il bene verso loro stessi, le proprie famiglie e la società, provvedendo alla chiusura anche in anticipo rispetto alle disposizioni dovute all’emergenza, e sono tante le attività che hanno preferito ‘serrare’ in anticipo.  “Siamo consapevoli, e siamo già al lavoro in questo senso – spiegano dal partito – che è necessario programmare in modo organico la ormai attesa ‘fase 2’, ma nel frattempo riteniamo indispensabile iniziare a mettere in campo singole iniziative che siano d’aiuto alle fasce maggiormente colpite. Nei prossimi giorni faremo pervenire al Commissario altre proposte per aiutare l’intera popolazione – e concludono – al superamento della crisi sia sanitaria che economica. Restiamo pienamente disponibili a fornire al commissario Rodà ed a tutti cittadini ogni genere di supporto che rientri nelle nostre possibilità.”

Maria Beneduce

Maria Beneduce