Sant’Anastasia: passa il rendiconto finanziario 2016, dura la critica del Partito Democratico

Condividi

Sant’Anastasia, 15 maggio 2017 –  Un assise animata e con grandi aspettative: passa il rendiconto di Bilancio. Sette i punti all’ordine del giorno, fra cui il Rendiconto di bilancio 2016 e la cessione a titolo gratuito in favore dell’agenzia del demanio da parte del Comune anastasiano, del Plesso scolastico “Sodani”, al fine di destinarlo a Caserma dei Carabinieri.  Sulla questione legata al  rendiconto 2016, l’opposizione non si è fatta pregare ‘bollando’ il documento con un giudizio estremamente negativo. “Il documento finanziario  –  dicono – è privo di una progettualità vera”. A sostenerlo è il consigliere comunale, Peppe Maiello, che con doviziosa analisi continua “Non vi è un finanziamento europeo, quelli regionali sono inferiori rispetto agli anni successivi. Paghiamo circa 190 mila euro per sentenze, la maggior parte delle quali per insidie e trabocchetti. Con questi soldi potremmo risistemare gran parte delle strade cittadine. L’Amministrazione Abete, nonostante la rottura, continua ad essere degna erede dell’Amministrazione Esposito. Non si riesce a dare a Sant’Anastasia lo slancio di cui ha bisogno e le risposte concrete di cui i cittadini necessitano. Da inizio 2017 nessuna delibera di Giunta meritevole di plauso. Solo costituzioni in giudizio e qualche contributo a feste patronali per permettere a qualche consigliere di mantenere il proprio orticello. Per il resto, il nulla assoluto! Di questo passo non andremo lontano. Sant’Anastasia ha bisogno di altro! Soprattutto di una classe dirigente nuova, che abbia coraggio e sia in grado di infondere speranza ed entusiasmo ad una comunità assuefatta! Per questo da qui al 2019 lavoreremo per costruire un’alternativa di governo valida ed efficace, all’altezza delle sfide che ci attendono per la rinascita di Sant’Anastasia!”  Insoluta e posticipata, da tempo, la quesitine del dimensionamento scolastico che potrebbe commutare l’attuale presenza di tre Comprensivi. Sulla anche il consigliere del PD Maiello, pone la sua proposta e dice: “Potrei anche essere d’accordo, e lo sono, sull’ubicare la Caserma dei carabinieri nel plesso Sodani, ma ciò ci impone sin da ora di rivedere il dimensionamento scolastico, pensando magari alla presenza sul nostro territorio di due soli Istituti comprensivi”. Una questione vecchia quella del dimensionamento, e ritornata solo lo scorso gennaio, quando si parlava di dimensionamento e mamme e insegnanti assediarono il consiglio comunale contro l’amministrazione per il mancato dimensionamento. Al tempo fu sollevata anche la proposta del cambio destinazione di una scuola del I° Comprensivo, dove troverebbero una nuova ‘casa’ i carabinieri ancora sotto sfratto. Lo spostamento dell’istituto di scuola primaria presso la scuola Portali (in dotazione del III° Comprensivo), porterebbe alla convivenza di due Comprensivi in una unica struttura, con il malumore delle due dirigenze, e tutti i timori di perdita di autonomia nella gestione scolastica.

NARDONE
loading...

Maria Beneduce

Maria Beneduce