Sanita’ Campania, Flora Beneduce (FI) : il difficile intreccio tra pubblico e privato “crisi comparto riabilitativo Asl Napoli 3 Sud”

Condividi

Napoli, 29 giugno 2017 – Questa mattina si è svolta presso l’Auditorium del centro direzionale di Napoli una assemblea pubblica per il disagio creatosi nel Comparto riabilitativo dell’ ASL Napoli 3 Sud. La problematica è sempre la stessa: taglio del 20% dei fondi sanitari con le conseguenze gravi sulle prestazioni erogate ai cittadini. “L’impressione che qualcosa non abbia funzionato nel modo di affrontare con efficienza la programmazione prevista per servizio di erogazione delle prestazione medico/sanitarie relativo al comparto riabilitativo per l’anno 2017” – commenta Flora Beneduce, consigliere regionale di Forza Italia e componente commissione sanità. “Ancora una volta a farne le spese sono i cittadini e soprattutto quelli economicamente più deboli, che, tra le loro varie difficoltà, sono costretti ad affrontare anche questa” “Sembra che la salute sia diventato un problema esclusivamente di chi si ammala, oltre al disagio della lunga attesa per le liste di prenotazione il malato deve affrontare tutto da solo; le istituzioni ancora una volta sono estranee e lontane dai problemi sia individuali che sociali” – aggiunge la consigliera. “Ogni regione del nostro Paese ha un suo sistema sanitario grazie alla riforma del titolo V della Costituzione, con conseguenze catastrofiche sui cittadini; c’è un disparità di trattamento al diritto per la salute! La Campania purtroppo è tra le regioni in cui il Sistema Sanitario Nazionale è tra i più critici”. “Manca del tutto la “capacità di fare sistema” tipico delle classi dirigente meridionale ed in particolare della classe napoletana”. “Manca la capacità di mettere da parte i singoli protagonismi per unire le forze e mettere in campo, ciascuno per le proprie competenze, e mi riferisco sia al pubblico che al privato, per un progetto comune che possa veramente evitare “la macelleria sociale” e garantire una forma di assistenza efficiente per tutti”. “E’ il momento di cambiare, pur tra mille difficoltà darò il mio valido appoggio per contribuire al cambiamento possibile per questa regione” – conclude la Beneduce.

NARDONE
loading...

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]