Sanità, Beneduce: “Su precari non si perda altro tempo”

Condividi
“Ci sfuggono le ragioni per cui non si tiene l’audizione richiesta dal gruppo di Forza Italia in Commissione per affrontare la vicenda, oramai ingarbugliatissima, dei tremila precari della sanità campana. Le notizie che arrivano circa incontri tenuti al di fuori delle attività consiliari mortificano il lavoro di noi consiglieri e anche quello dei sindacati che si stanno battendo in queste ore per evitare che si perdano nuovi posti di lavoro e che l’assistenza precipiti del tutto in termini di qualità”. Lo dichiara la consigliera regionale Flora Beneduce, componente della Commissione Sanità della Campania.
“Siamo dinanzi ad un atteggiamento singolare da parte della maggioranza di centrosinistra, che presiede le commissioni consiliari permanenti e che in questo modo si sottrae di fatto ad un confronto democratico su una vicenda che riguarda l’intero settore sanitario e le cure per i nostri concittadini”, conclude Beneduce.

Caro lettore, ilmonito.it non ha mai ricevuto contributi statali e provvede alle sue spese autofinanziandosi attraverso sottoscrizioni volontarie. La redazione lavora senza sosta, giorno e notte, per fornire aggiornamenti precisi ed affidabili sulle notizie del territorio. Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se ci leggi tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci. Grazie!

ILMONITO crede nella trasparenza e nell'onestà. Pertanto, correggerà prontamente gli errori. La pienezza e la freschezza delle informazioni rappresentano due valori inevitabili nel mondo del giornalismo online; garantiamo l'opportunità di apportare correzioni ed eliminare foto quando necessario. Scrivete a [email protected] - Questo articolo è stato verificato dall'autore attraverso fatti circostanziati, testate giornalistiche e lanci di Agenzie di Stampa

Redazione

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]