Sanità, Beneduce (Fi): “Su fibromialgia tre anni di ritardi”

Condividi

“La Giunta regionale della Campania, a tre anni dall’approvazione all’unanimità in Consiglio regionale di una mozione ad hoc, è ancora alle prese con ricognizioni e verifiche volte ad individuare i professionisti che dovranno comporre il tavolo regionale multi-specialistico per la sindrome fibromialgica. Ritardi che dilatano i tempi della diagnosi e rischiano di pregiudicare pesantemente anche la qualità delle cure”. Lo dichiara Flora Beneduce, consigliere regionale di Forza Italia e componente della Commissione Sanità della Campania, promotrice di una interrogazione sullo stato di attuazione del processo di costituzione del tavolo di coordinamento sulla fibromialgia, discussa oggi durante la seduta di question time svoltasi presso l’aula del Centro direzionale di Napoli.
“Ancora una volta il deficit di programmazione in sanità minaccia di compromettere l’appropriatezza delle prestazioni nella nostra regione. Ambulatori di reumatologia e neurologia, allocati in posti diversi e tra loro distanti, operano in maniera autonoma e in assenza di quella sinergia che invece potrebbe rendere efficiente ed efficace l’assistenza ai cittadini”, prosegue l’esponente azzurro.
“Manca un centro regionale di riferimento e un tavolo di coordinamento specifico sulla patologia avrebbe consentito, in questi tre anni dalla approvazione in aula della mozione, di assicurare una regia quantomeno coerente nella erogazione delle cure. Ciò, tuttavia, non è accaduto. Ci auguriamo, dunque, che presto si ponga rimedio ai ritardi accumulati in questi mesi e che la Giunta regionale e gli uffici accelerino su un tema così delicato, consentendo di uniformare i trattamenti e addivenire, anche in Campania, ad una diagnosi precoce per evitare che la malattia diventi da subito invalidante per i pazienti”, conclude Beneduce.

Redazione

I nostri interlocutori sono i giovani, la nostra mission è valorizzarne la motivazione e la competenza per creare e dare vita ad un nuovo modo di “pensare” il giornalismo. [email protected]